Mercoledì 19 Dicembre 2018 - Anno XVI
Jesolo Sand Nativity. Il presepe di sabbia nel centro della cristianità

Jesolo Sand Nativity. Il presepe di sabbia nel centro della cristianità

A Roma il Natale 2018 vedrà nella Città del Vaticano di fronte alla cupola di Michelangelo Sand Nativity. Una scultura monumentale che raffigura la natività in un presepe di sabbia

Sand Nativity Roma 2018-renderingIn Piazza San Pietro questo Natale ci sarà una sorpresa. Al centro del colonnato realizzato dal Bernini, che simbolicamente abbraccia l’intera umanità, si sta costruendo il Sand  Nativity 2018. Si tratta di un progetto artistico notevole.
Una vera scultura che raffigura la natività costruita con la sabbia. A proporre alla Città del Vaticano l’idea, alquanto impegnativa, del “Presepe di Sabbia” di Jesolo ha provveduto il Patriarca di Venezia, sua eccellenza reverendissima Francesco Moraglia. Il progetto della città di Jesolo è certamente innovativa rispetto alla tradizionale rappresentazione cristiana della nascita di Gesù.

Sand Nativity 2018

Sand Nativity Roma 2018-progettoLa dimensione del presepe di sabbia è notevole: largo 15 metri, alto 5 e profondo 6 metri. Per questa monumentale opera d’arte unica al  mondo sono state trasportate 900 tonnellate di sabbia. Il resto lo faranno le mani e il talento artistico di alcuni dei più grandi scultori del mondo che utilizzando la sabbia proveniente dalle Dolomiti. Mediante questa materia prima quasi evanescente andranno a realizzare un’opera monumentale unica al mondo.
Come è stato illustrato nel progetto, il bassorilievo conterrà una forte intensità espressiva e sarà ricco di dettagli ambientali e di profondità prospettica. Anche se ci troviamo di fronte a un’opera effimera che vivrà, per la gioia dei cristiani e dei turisti che si recheranno a Roma per ammirarlo, soltanto il tempo liturgico del Natale, prima di tornare sabbia.

Gli artisti e l’opera

Sand Nativity Roma 2018 la cupola-di-MichelangeloI quattro artisti che realizzeranno Sand Nativity 2018 sono tra i migliori costruttori di Eventi internazionali nei cinque Continenti. Si tratta di Radovan Zivny della Repubblica Ceca, grafic designer e professore d’arte. In qualità di scultore ha iniziato a lavorare con la sabbia nel 1997. Susanne Ruseler, artista olandese, lavora con la sabbia dal 2003. Ama creare sculture anche con ghiaccio, neve e cemento. Ilya Filimontsev, dopo gli studi artistici a Mosca, è diventato designer di gioielli. Specializzato nella lavorazione del ghiaccio. Richard Varano viene dalla Florida. E’ direttore artistico e titolare della “Sultans of Sand Worldwide”.
Il progetto è stato possibile grazie al Comune di Jesolo che, come dice il sindaco Valerio Zoggia, mette in mostra le grandi capacità di questa realtà veneta. “Per la Città di Jesolo poter realizzare in piazza San Pietro il presepe di sabbia è un sogno che diventa realtà”, dice Zoggia. “E rende merito a un’intuizione nata sedici anni fa: realizzare la natività con la sabbia del nostro litorale, che nel tempo ha conquistato l’apprezzamento di oltre un milione di visitatori che hanno fatto tappa nella nostra località per ammirarla”.

Per info:
www.comune.jesolo.ve.it  – www.jesolosandnativity.it

Leggi anche:

Sognare la Puglia con una tazza di caffè

Villaggio palafitticolo nel lago di Varese

Girona e d’intorni. Una provincia da raccontare

© RIPRODUZIONE RISERVATA