Domenica 22 Maggio 2022 - Anno XX
Il meraviglioso scenario delle Dolomiti

Il meraviglioso scenario delle Dolomiti

Carnevale tra le nuvole: sciare mascherati sul ghiacciaio della Marmolada

Nella settimana tra giovedì 24 febbraio e martedì 1° marzo Marmolada Move To The Top propone di festeggiare il Carnevale sciando smascherati su La Bellunese a oltre 3mila metri. Gli amanti della montagna possono combinare sci, neve, cultura e sport, ma anche chiacchiere con gusto e divertimento,

Carnevale tra le nuvole Funivia-Marmolada

Funivia Marmolada

Quest’anno il Carnevale si trascorre in allegria a oltre tremila metri sulla Regina delle Dolomiti: la Marmolada. La proposta curiosa e interessante arriva da Marmolada – Move To The Top che la indirizza agli amanti della montagna di tutte le età. Una settimana da trascorrere combinando sci, neve, e feste carnevalesche oltre a gusto, divertimento, cultura e sport. Il “Carnevale tra le nuvole” si svolge sciando mascherati lungo La Bellunese, la pista più lunga del Dolomiti Superski con i suoi 12 km.

Prosegue con “Chiacchiere e Carnevale” dove si gusteranno le tipiche chiacchiere nei punti di ristoro della funivia che porta il visitatore da Malga Ciapèla a 1450 metri a Punta Rocca a 3265 in 12 minuti.

Carnevale tra le nuvole sul ghiacciaio della Marmolada

Marmolada sciare a carnevale tra le nuvole

Marmolada, sciare a carnevale tra le nuvole

Giovedì 24 febbraio e martedì 1° marzo, si può sciare sul bianco immacolato del ghiacciaio della Marmolada “tingendolo” di colori con le vivaci maschere carnevalesche indossate dagli sciatori. Presentandosi alla cassa della funivia a Malga Ciapèla indossando una maschera si ottiene uno sconto sul giornaliero della funivia Marmolada – Move To The Top.

Da Punta Rocca si accede alle piste del Dolomiti Superski, inclusa La Bellunese. Questa discesa porta lo sciatore fino a Malga Ciapèla. Un lungo percorso immerso nella natura e nella bellezza invernale delle Dolomiti e del ghiacciaio della Marmolada. Ogni sciatore mascherato può scattarsi un selfie lungo La Bellunese e condividerlo sui social. L’hashtag da usare è #carnevalefralenuvole taggando Marmolada – Move To The Top, che poi riposterà la foto.

Chiacchiere e Carnevale

arnevale tra le nuvole Bar Malga Ciapela

Il Bar di Malga Ciapèla

Nella settimana dal 24 febbraio al 1° marzo, chiunque potrà concedersi gustosi peccati di gola. “Chiacchiere e Carnevale” è l’iniziativa che permette di assaporare una delle prelibatezze della cucina locale: le Fiorostide, come si chiamano qui le chiacchiere, sono delle leggere e croccanti sfoglie fritte spolverate di zucchero a velo. Recandosi al bar presso la partenza della funivia a Malga Ciapèla o al self-service nella stazione intermedia di Serauta a 2950 m, è possibile consumare questo dolce della tradizione. Darà ancora più gustoso se lo mangiate ammirando la suggestiva vista dalla terrazza a Malga Ciapèla o dalla vetrata panoramica a Serauta. Per chi voglia preparare a casa le Fiorostide ecco il link della ricetta.

Tour della Grande Guerra

Marmolada-museo-grande-guerra-3000

Marmolada, Museo della Grande Guerra

Gli sciatori possono scoprire gli altri percorsi collegati, come lo ski tour Sellaronda che si snoda attorno al massiccio del Sella e che collega i passi dolomitici Campolongo, Gardena, Sella e Pordoi. Una giornata si può dedicarla allo ski tour della Grande Guerra tra Marmolada, Civetta, Pelmo, 5 Torri, Tofane, Lagazuoi, Conturines, Settsass, Sassongher e Sella. Un percorso che  cala lo sciatore nella storia di queste montagne, protagoniste della Prima Guerra Mondiale.

Lungo il percorso si incontrano postazioni, gallerie e feritoie costruite dai soldati. Per chi vuole conoscere senza alcuna ideologia di confine la vita degli uomini-soldati che su queste montagne combatterono, soffrirono e morirono, il museo Marmolada Grande Guerra 3000, presso la stazione funiviaria di Serauta, offre uno spaccato realistico ed emotivo con foto, video, diari e reperti.

Leggi anche:

Val Mivola: scoprire le Marche tra le Valli dei fiumi Misa e Nevola

Viaggio eco-sostenibile nell’arcipelago delle Filippine

Ludovico Ariosto dopo 500 anni torna in Garfagnana nelle “Terre Furiose”

© RIPRODUZIONE RISERVATA