Martedì 7 Febbraio 2023 - Anno XX
Campagna pubblicitaria della Opel 5/12 HP

Campagna pubblicitaria della Opel 5/12 HP

La prima utilitaria della Opel compie 110 anni

La vettura Opel 5/12 HP della Casa di Rüsselsheim, pensata per tutte le tasche, inizia la commercializzata nel 1912. Prodotta nei modelli con carrozzeria laudalet, limousine, torpedo e spider.

modello cabrio Opel 5/12 HP

Modello torpedo della Opel 5/12 HP

Compie 110 anni, la Opel 5/12 HP, uno dei primi esempi di automobile per tutti, che la Casa tedesca iniziò a commercializzare nel 1912. Lunga meno di 3 metri e mezzo, era equipaggiata con un 4 cilindri in linea di 1.261 cc (alesaggio/corsa 65×95 mm) da 12 CV a 1.800 giri/minuto che le consentiva di superare i 50 km/h. Il motore era un monoblocco impiegato da Opel su un modello della gamma piccola alla quale aveva generalmente dedicato propulsori monocilindrici, bicilindrici o comunque biblocco.

Una “brochure” Opel dell’epoca presentava la 5/12 HP come il modello più piccolo della gamma, insomma un’utilitaria. Definita la “macchina del popolo che fa tutto il ragionevole che le si chiede: abbastanza veloce, sicura nella guida, molto comoda; ha prezzi d’acquisto e di manutenzione convenienti, consumi contenuti, pochissima usura dei pneumatici; riparazioni e spese di gestione modeste; non ultima la possibilità di guidare senza bisogno di un autista”. Non si poteva descrivere con maggior sintesi e precisione un’auto destinata ad una grande diffusione. Al successo commerciale della Opel 5/12 HP contribuì ovviamente anche un prezzo molto concorrenziale: tra 4.000 e 5.200 marchi, ovvero un quarto circa della più grande Opel 28/70 HP che costava tra 15 e 17mila marchi.

Opel 5/12 HP: in estate bisognava bagnare le ruote

Opel-5-12-hp

Opel 5/12 HP. le ruote sono in legno

Una curiosità. Nella stagione estiva era necessario bagnare le ruote in legno anche prima di affrontare un breve percorso. Se non si bagnavano avrebbero emesso prima un cigolio sinistro e sarebbero poi andate in mille pezzi a causa della naturale propensione del materiale impiegato. Infatti il legno si ritira in presenza di clima secco e poi riprendere le sue dimensioni naturali con l’umidità.

1912: anno di grandi avvenimenti per Opel

Adam Opel su una delle sue prime vetture

Adam Opel su una delle sue prime vetture

Il 1912 per Opel è stato caratterizzato dal lancio della 5/12 HP ma è stato soprattutto un anno di grandi avvenimenti. A partire dall’inaugurazione della nuova fabbrica di Rüsselsheim che sostituiva quella distrutta da un incendio nell’agosto dell’anno prima. Nello stesso anno è stata prodotta la sua 10millesima automobile; poi le celebrazioni per il primo mezzo secolo di attività (era stata fondata da Adam Opel a Rüsselsheim in Germania nel 1862); il lancio della nuova 40/100 HP e del nuovo contratto di lavoro; la partecipazione alla 500 Miglia di Indianapolis e molte vittorie sportive. Un anno memorabile.

In gara a Indianapolis

Opel-anniversaryQuell’anno le vetture di Rüsselsheim parteciparono ad importanti eventi mantenendo viva l’immagine sportiva del costruttore. Una vettura da corsa di 2.600 cc fu venduta alla scuderia americana Stern & Noble che la iscrisse con il pilota Len Ormsky alla seconda edizione della 500 Miglia di Indianapolis in programma a maggio. Ottava nelle prove di qualificazione, la vettura dovette però ritirarsi anzitempo dalla gara per la rottura di una biella.

Maggiore fortuna ebbero un po’ tutti i modelli in produzione. La piccola 5/12 HP, lanciata proprio in quell’anno, vinse il Giro della Lorena di regolarità; la 8/20 HP si assicurò la Corsa ungherese di regolarità disputata sulla distanza di 1.300 chilometri; la grande 40/100 HP si impose ad Anversa nella gara sul chilometro lanciato alla velocità media di 120 km/h con al volante il barone Von Waclawiczek.

La Corsa delle Alpi Austriache

Opel 40-100 nel 1912 si impose nella corsa di Anversa

Opel 40/100 nel 1912 si impose nella corsa di Anversa

La grande vittoria di quell’anno fu però l’affermazione di squadra nella Corsa delle Alpi Austriache dove Opel, unica squadra su 17 concorrenti, tagliò il traguardo con tre nuove 18/40 HP senza penalità. Di tale prova, svoltasi tra il 16 ed il 23 Giugno 1912 su una distanza di 2.354 chilometri, Fritz Opel raccontò in seguito che “il percorso era straordinariamente difficile. Solo pochi anni fa nessuno si sarebbe sognato di percorrere tali salite con automobili normali”.

Gli organizzatori avevano inoltre sigillato motori, cambi e differenziali per evitare riparazioni durante la corsa. Non c’è da stupirsi se la maggior parte delle 85 squadre iscritte dovette ritirarsi prima del traguardo.
Queste vittorie valsero alla Opel il soprannome di “zuverlässige” (cioè “macchina affidabile”). Concetto che nella metà degli Anni Trenta, fu ripreso ufficialmente nella pubblicità della Casa tedesca, un termine ampiamente conosciuto da tempo dagli sportivi.

Opel uno dei maggiori costruttori europei

Opel, gamma dei modelli attuali

Opel, gamma dei modelli attuali

Oggi Opel è uno dei principali costruttori automobilistici europei, all’avanguardia nella riduzione delle emissioni di CO2 grazie a un intenso programma di elettrificazione. L’azienda, fondata nel 1862, ha iniziato a costruire automobili nel 1899. Oggi fa parte del Gruppo Stellantis, leader globale creato per affrontare la nuova epoca della mobilità sostenibile attraverso la fusione tra Groupe PSA e il Gruppo FCA avvenuta nel gennaio del 2021.

Con il marchio gemello britannico Vauxhall, la Casa è presente in oltre 60 paesi del mondo. Attualmente Opel sta elettrificando la propria gamma per avere un’operatività sostenibile e soddisfare le future richieste di mobilità dei clienti. Entro il 2024 Opel offrirà una versione elettrica di ogni modello. Dal 2028 in Europa si concentrerà esclusivamente sui veicoli elettrici a batteria.

Leggi anche:

Auto e design: anniversario speciale a Torino

Mini Cooper SE Resolute Edition: il futuro è elettrico e bianco polare

Auto e Moto d’Epoca 2022, l’ultima di Padova

© RIPRODUZIONE RISERVATA