Giovedì 30 Maggio 2024 - Anno XXII

New York in 5 giorni

New York (ph. Michael Pewny da Pixabay)

Viaggio nella Grande Mela. Pianificare cinque giorni a New York nella città che non dorme mai. Incontrare l’arte, la cultura, i luoghi iconici. Visibilità per i giovani artisti contemporanei al Premio Internazionale d’Arte New York – Manhattan.

New York skylineLa Grande Mela, come viene definita New York, è una città che non dorme mai. La popolazione di New York: otto milioni di abitanti, che diventano circa 25 nell’area metropolitana, è tra le più variegate del mondo, sia dal punto di vista culturale che etnico.
New York emana grande energia insieme alle notevoli opportunità di scoperta. Un viaggio nella Grande Mela può essere un’esperienza travolgente e memorabile. Come godersi pienamente New York in soli cinque giorni?
Ecco alcuni suggerimenti che includono arte, cultura, luoghi iconici, il magico Central Park e il cibo.

New York: nel cuore di Manhattan
New York City (Ph. Leonhard Niederwimmer da Pixabay
New York City (Ph. Leonhard Niederwimmer da Pixabay

Il viaggio inizia nel cuore pulsante della città: Manhattan. Iniziate la vostra giornata a Times Square, immersi nelle luci scintillanti e nel brusio costante. Da qui, dirigetevi verso l’Empire State Building, un’icona dell’architettura che offre una vista panoramica sulla città da togliere il fiato.
Dopo aver ammirato lo skyline dall’alto, fate una passeggiata lungo la Fifth Avenue, facendo tappa presso l’iconico Rockefeller Center e la maestosa Cattedrale di San Patrizio.

New York Galleria One Art Space
Galleria One Art Space

Per i giovani artisti, suggeriamo anche una visita alla Galleria One Art Space, al 23 di Warren Street. Fondata da Dan Giella ha esposto oltre 200 mostre personali e collettive di artisti contemporanei internazionali e locali.
La Galleria One Art Space mostra la progressione dell’artista attraverso le fasi della vita, e sottolinea la narrazione dell’arte contemporanea. Tra gli artisti presenti Akihiro Nishino, Al Diaz, Andrew Salgado, Robert Whitman Photographer, Shepard Fairey, Swoon e Tim Okamura.

Premio Internazionale d’Arte New York – Manhattan
New York Galleria On Art Space Manhattan
Galleria On Art Space Manhattan

Negli spazi della galleria, dal 29 luglio al 4 agosto 2024, si svolgerà la mostra del Premio Internazionale d’Arte New York – Manhattan riservata agli artisti iscritti alla piattaforma di PitturiAmo.
Il portale raccoglie circa 20.000 artisti contemporanei provenienti da tutto il mondo. La finalità è promuove la visibilità degli artisti che si iscrivono, facilitando i contatti con gli operatori del mondo dell’Arte: galleristi, critici d’arte, curatori. Chi desidera partecipare al Premio può iscriversi sulla piattaforma.

LEGGI ANCHE  Al via a Milano il corso per operatori turistici
Incontro con l’arte e la cultura
New York Metropolitan Museum
Metropolitan Museum (Ph. Ramon M da Pixabay)

La seconda giornata la iniziamo ancora all’insegna dell’arte e della cultura al Metropolitan Museum of Art, uno dei più grandi e prestigiosi musei del mondo. Qui si trovano opere che spaziano dall’antichità ai giorni nostri.
Il tour prosegue verso il Museum of Modern Art (MoMA) per ammirare capolavori dell’arte contemporanea.
A chiudere la giornata una passeggiata lungo la High Line, un parco urbano costruito su una vecchia ferrovia sopraelevata, che offre viste spettacolari della città.

Traversata a piedi del Ponte di Brooklyn
New York Ponte di Brooklyn
Ponte di Brooklyn (Ph. Schliff da Pixabay)

Il terzo giorno lo dedichiamo a Brooklyn. Non si può andare a New York senza attraversare il famoso Ponte di Brooklyn a piedi per godersi una delle viste più iconiche della città. Una volta dall’altra parte, si possono esplorare i quartieri di DUMBO (Down Under the Manhattan Bridge Overpass) e Brooklyn Heights, con le loro strade pittoresche, caffetterie alla moda e negozi caratteristici.

D’obbligo una tappa presso la Brooklyn Brewery per assaggiare alcune birre artigianali locali e concludere la giornata con una passeggiata sul lungomare di Brooklyn Bridge Park, godendo le spettacolari viste su Manhattan.

Central Park e dintorni
New York Central Park
New York Central Park (Ph. Jermaine Ee su Unsplash)

La mattina del quarto giorno la possiamo dedicare all’esplorazione del maestoso Central Park, un’oasi verde nel cuore della città. È possibile noleggiare una bicicletta o fare una passeggiata rilassante lungo i sentieri del parco, visitare lo zoo o fare un giro in barca sul lago. Questo spazio verde è uno dei parchi urbani più visitati del paese e una delle attrazioni più popolari di New York City.

Nel pomeriggio, una seconda immersione di cultura è d’obbligo presso il Guggenheim Museum, famoso per la sua straordinaria architettura e la collezione di arte moderna. Si prosegue poi verso il Museum of Natural History, dove è possibile esplorare le meraviglie del mondo naturale.

LEGGI ANCHE  Da Sesto Calende al parco del Ticino
Esperienze culinarie
Uova alla benedict
Uova alla benedict

L’ultimo giorno a New York è dedicato alle esperienze culinarie e agli ultimi sguardi. La prima colazione, anziché farla nell’hotel, si può gustarla in uno dei tanti caffè caratteristici della città, assaggiando bagel, pancakes o uova alla benedict.

Il resto della giornata si può trascorrerla andando alla scoperta dei quartieri meno turistici, come Greenwich Village o Harlem, dove si è a contatto con la vita quotidiana dei newyorkesi. Una degna conclusione del viaggio potrebbe essere una cena presso il Fig & Olive, al 10, E52dn St, New York NY, oppure al Cathédrale Restaurant al 112 East 11th, New York NY, prima di salutare la città.

Leggi anche: 

REVERB BY HARD ROCK. MUSICA E GIARDINI PENSILI IN UN EX-BUNKER DI AMBURGO

DESTINATION VESUVIO: AVVENTURA TRA TERRA E CIELO

I MONDI DI MARCO POLO

Condividi sui social: