Venerdì 7 Ottobre 2022 - Anno XX
Lisbona -foto di Diego Delso

Lisbona -foto di Diego Delso

Scopriamo la movida di Lisbona tollerante e trasgressiva

La capitale portoghese, famosa per la vita notturna e per essere fortemente cattolica, è anche una meta del turismo gay. Dopo shopping e movida un giro culturale nei luoghi suggestivi che hanno segnato la storia del paese è d’obbligo, come la piazza Sao Carlos e la casa dello scrittore Fernando Pessoa. Il modo migliore per conoscere la città è girarla a piedi tra il reticolo di pittoresche viuzze e grandi piazze

movida

Da una città portoghese ti puoi aspettare che sia bella, ma non una destinazione gay friendly. Invece Lisbona, nonostante sia il capoluogo di un paese fortemente cattolico e abbia vissuto nel secolo corso un lungo periodo di dittatura, si presenta oltre che affascinante, grazie a un reticolo di pittoresche viuzze e grandi piazze che si intersecano l’una nell’altra, molto aperta e tollerante (Lisbona e i suoi dintorni accolgono turisti gay dal XVIII secolo). E anche se, a differenze di altre capitali europee offre molto poco, al proprio interno custodisce una viva e ricca vita gay. A tal punto da essere considerata una meta del turismo gay, anche in inverno. E cosa che non guasta, a prezzi contenuti (i voli diretti della compagnia nazionale Tap da Milano).

Un tram chiamato 28

movida

Nonostante però i taxi siano numerosi e abbordabili (5 euro per un tragitto lungo) il modo più economico, ma non per questo meno affascinante, per scoprire Lisbona è a piedi. Solo così si possono conoscere fino in fondo le bellezze storiche e architettoniche della città e gli usi e costumi locali. Ma se siete pigri potrete sempre ripiegare sul tram (il costo del biglietto varia da 1,30 a 2,80 euro).

La capitale portoghese è, infatti, famosa per questo mezzo di trasporto che l’attraversa completamente collegandola in quasi tutti i suoi punti. I più adatti per visitare la città sono il 15, il 25 e il 28 anche se solo quest’ultimo è considerato il tram storico per eccellenza. Il suo percorso, che si arrampica in vicoli molto stretti e curve improbabili, vi accompagnerà attraverso l’Alfama, lo storico quartiere moresco. Una vista impagabile anche quella che si gode dall’ascensore di Santa Justa.

La movida di Lisbona

movida

Ma la capitale portoghese è famosa soprattutto per la sua vita notturna, la movida. E anche dopo il tramonto, il miglior modo per entrare nella notte di Lisbona è a piedi. Si può passeggiare nel quartiere del Chiado, uno dei più trendy oltre che una delle zone gay della città, così come il Principe Real e il Bairro Alto. Tutte zone ricche di ristoranti, locali, negozi e club. Molti i locali gay e quelli aperti a tutti che sono frequentati anche da gay. Se non avete tanti giorni a disposizione optate per Bairro Alto, il quartiere dello shopping frenetico, punto di ritrovo della comunità gay lisboeta. Addentrandovi nelle sue strette vie respirerete lo spirito di Lisbona. Tra i ristoranti gay friendly da provare il Pap’Acorda, l’Impero dos Sentidos e Sinal Vermelho.

Movida tra bar, discoteca e spiaggia

movida Ponte Vasco de Gama

Ponte Vasco de Gama

Per chi volesse seguire le regole della vita gay locale: colazione al Bar 106, aperitivo al Portas Largas e poi tutti alla discoteca Finalmente. Nel periodo estivo è invece d’obbligo dirigersi verso la spiaggia di Meco o la “Spiaggia 19” sulla costa di Caparica. Dovendo scegliere u-n locale che rappresenti al meglio la vita notturna di Lisbona, il Frágil, discoteca storica e fashion gay ed etero, sarebbe di certo la scelta fatta da molti. Diviso in aree distinte, una con un bar e l’altra con una pista da ballo, il Frágil è situato dentro un vecchio edificio sottoposto a restauro. All’interno invece lo stile è moderno, anche un po’ dark, con musica house e alternativa a fare da colonna sonora.

Una città aperta e tollerante, ma anche ricca di attrazioni

mavida Torre di Belém

Torre di Belém

Dopo shopping e movida non si può far ritorno a casa senza essersi concessi una giornata a sfondo culturale. I luoghi da visitare a Lisbona sono molti, suggestivi e ricordano la storia dei popoli che hanno lasciato un segno in questa città. Il castello di S. Jorge e Olisipònia è uno dei simboli del passato della città; la sua storia è narrata al suo interno attraverso contenuti multimediali. La torre di Ulises Càmara Oscura propone, invece, un periscopio che cattura le immagini della città e le proietta all’interno della torre: un viaggio a 360°, in tempo reale, commentato in portoghese, inglese e francese. D’obbligo visitare Piazza di Sao Carlos e la casa dove nacque il celebre scrittore portoghese Fernando Pessoa.

I simboli storici di Lisbona

movida

La Torre de Belém è un altro dei numerosi simboli della città di Lisbona. Un gioiello di elementi moreschi, gotici e rinascimentali da cui si ammirano il ponte 25 Aprile e la statua del Cristo.
A Belém si trova anche il Monumento a los Descubrimientos dedicato alle scoperte delle nuove terre, rappresentate da un mosaico raffigurante il planisfero sul quale sono segnate le rotte e le date dei viaggi eseguiti dai navigatori. Il Monasterio de los Jerònimos, bellissimo all’esterno e all’interno soprattutto per il chiostro, di sera propone spettacoli acquatici eseguiti nella fontana colorata che si trova davanti a esso. Prima di lasciare Belém fate una sosta alla Antiga Confeitaria, in Rua de Belém 84, dove si gustano i deliziosi pastéis de Belém caldi, i pasticcini alla crema tipici della città. Da comprare insieme a un azulejo.

Leggi anche:

Il cibo fa tendenza nei viaggi del 2017

Dieci città europee da visitare nel 2017

Da Sines a Sagres virtuale confine occidentale del Portogallo

© RIPRODUZIONE RISERVATA