Lunedì 30 Novembre 2020 - Anno XVIII
Tendenza car sharing

Tendenza car sharing

Auto non più di proprietà ma da condividere con altri, abbattendo spese onerose. I servizi di car sharing hanno preso piede anche in Italia. Il caso di E-vai in Lombardia, sistema di mobilità urbana alternativo al
mezzo privato con una novità: l’integrazione con il servizio ferroviario Trenord

Expo 2015 è ormai alle porte: i servizi di mobilità sostenibile saranno sempre più richiesti dal mercato, anche in relazione all’aumento della sensibilità culturale della popolazione. Con questa consapevolezza, stanno aumentando nella Regione Lombardia le offerte di servizi di mobilità agli utenti che debbano muoversi per ragioni di studio, lavoro, svago.

Tra le ultime novità, si segnala “E-vai”, un  sistema  di  mobilità  urbana  alternativo  l mezzo privato, integrato con il sistema ferroviario regionale, promosso e gestito da Trenord e Sems (società del Gruppo FNM). Il servizio non è concepito solo per i viaggiatori di Trenord, ma per chiunque si iscriva al servizio attraverso il sito www.e-vai.com (occorre inviare copia della patente e di un documento di identità).

I nuovi iscritti, peraltro, beneficiano di un noleggio gratuito di due ore. Il servizio di car-sharing E-vai, è disponibile tutti i giorni, 24 ore su 24,  in più di 20 città lombarde, con oltre 40 postazioni collocate in punti strategici (stazioni, ospedali, università), compresi gli aeroporti di Milano Linate e Malpensa. 

I vantaggi del viaggiare in condivisione

Il sistema è particolarmente innovativo: non prevede una card, poiché le auto si aprono con un sms. Il car sharing, lo ricordiamo, è il servizio che prevede che un certo numero di vetture sia messo a disposizione di più utenti in momenti diversi della giornata. In tal modo, si ha una riduzione delle auto in circolazione, aumenta il numero dei parcheggi disponibili, con conseguente snellimento del traffico e diminuzione dell’inquinamento atmosferico. Il servizio di E-vai è disponibile anche su smartphone e tablet scaricando l’app dedicata.

 

In sostanza una scelta intelligente che comporta una serie di vantaggi: ad esempio a Milano, così come in altri comuni convenzionati, si può accedere liberamente  alle corsie preferenziali e alle ZTL e si può parcheggiare gratuitamente sulle strisce blu e gialle. Senza contare che si paga solo l’uso effettivo della vettura, evitando di sostenere i costi fissi di manutenzione, tasse e assicurazione che comporta il mezzo privato.

 

I costi? La tariffa è di 5 euro l’ora senza costi aggiuntivi legati al chilometraggio per le auto elettriche, mentre è di 2,40 euro l’ora più 0,48 euro a Km per le auto a basso impatto ambientale.

Si consiglia di leggere tutte le informazioni nella sezione faq del sito per conoscere le caratteristiche del servizio. Per ulteriori informazioni contattare il numero verde 800.77.44.55.

(06/02/2014)

© RIPRODUZIONE RISERVATA