Sabato 21 Aprile 2018 - Anno XVI
Agrigento, Valle dei Templi

Agrigento, Valle dei Templi

Turismo o ‘Fu Turismo’ nel Belpaese

All’industria senza ciminiere non tornano i conti. Chi dovrebbe promuovere il Turismo Incoming spende troppo per stipendi e poco per la promozione dell’Italia all’estero

Turismo Facciata-Cattedrale-di-Siena

Facciata della Cattedrale di Siena

Laddove, esistendo due Turismi, quello Outgoing e quello Incoming, si fa riferimento a quest’ultimo (nella fattispecie quelli che visitano il Belpaese). Dopodiché chi, da una vita, di Turismo ne ha bazzicato abbastanza insiste nel dire che questa cosiddetta “Industria senza Ciminiere” in Italia è gestita demenzialmente, anzi, per dirla col poeta, non è gestita “tout court”. Col risultato che, da un po’ di tempo, nel Belpaese l’Incoming non deve mica essere andato tanto bene se (“lo dicono” le statistiche) l’Italia è scivolata dal primato in terza (o fors’anche quinta) posizione.
Ohibò, tragedia, almeno economica, datosi che a sfangarla col Turismo sono in tanti: piloti e portieri d’albergo, baristi e guide, bagnini e bancari cambianti dinero, autisti pullman e capi villaggio, posteggiatori e pure qualche entraineuse di night club (ancorché razza, ahinoi, in via di estinzione). Tutte balle infarinate di catastrofismo rato, voluto e qui (cassandramente) cantato da un vecchio aficionado in questa Industria senza Ciminiere? Mah, va a sapere.

Il Turismo e i manager chiamati a gestirlo

Turismo Puglia-Torre-dell'Orso

Torre dell’Orso in Puglia

Ad ogni buon conto, domenica 18 marzo, leggendo il “Corriere” (ça va sans dire quello “della Sera”) c’è scritto che … “Enit, il 55% delle spese va agli stipendi … Uno stipendificio da tempo uguale a se stesso. Nell’ultimo decennio al vertice di Enit sono approdati imprenditori (Matteo Marzotto), manager (Pier Luigi Celli), e da ultimo nell’ottobre 2015. Evelina Christillin” (managers – parolona magica che ormai serve a tutto –  ma gente, con tutto il rispetto, che con il Turismo avrà avuto a che fare ordinando alla segretaria l’acquisto di un biglietto d’aereo e/o la riservazione di un albergo, ndr).

Enit agenzia del turismo“Ad accomunarli, però, non è tanto l’incarico quanto i risultati ottenuti … a riassumerli è la Corte dei Conti  che nella relazione sulla gestione finanziaria muove da anni lo stesso rilievo: i costi del personale assorbono larga parte della spesa dell’Agenzia … per l’attività di promozione del Turismo in Italia resta, insomma, poco … solo il 21% è stato destinato alle attività per promuovere l’Italia all’estero”. (Dopodiché) “A preoccupare i magistrati è anche una contesa da 14,5 milioni di euro che in caso di soccombenza metterebbe a rischio i conti”.
Sic! Cuntent?! Il fu-turismo …. Frattanto, nella ingessatissima Cuba castrista (turisticamente parlando) qualcosa (pag. 15, sempre del citato “Corriere”) inventano (beati loro): “Rampe di Libertad. Enrique e gli altri skater nel parco di ‘Liberty City’. E’ la nuova Cuba che cerca di connettersi a Internet e aspetta il dopo Castro (Raul)”. Pure a Cuba …

Leggi anche:

“Mamma mamma dammi cento (mila euro) che alle Maldive voglio andar…”

Alfabeto turistico e paraturistico dalla lettura dei giornali

Un anno di aspettative: viaggi, cibo, populismi

© RIPRODUZIONE RISERVATA