Martedì 17 Settembre 2019 - Anno XVII
“Mamma mamma dammi cento (mila euro) che alle Maldive voglio andar..”

“Mamma mamma dammi cento (mila euro) che alle Maldive voglio andar..”

Umile recensione di un articolo narrante una inquietante (nel senso di “danèe”) gita nell’arcinoto arcipelago del Turismo, le Maldive. “E’ dell’inferno dei poveri che è fatto il paradiso dei ricchi”.

Maldive Corriere-della-seraSolitamente me la sbrigo in fretta col supplemento domenicale (“La Lettura”) del “Corriere della Sera”, per un motivo che pugilisticamente definirei “manifesta inferiorità”. Nel senso che lo sfoglio, guardo di cosa si tratta e zompo tout court alla pagina seguente, arrivando ben presto alla fine senza aver scelto dove abbeverarmi per saperne di più. Si dà infatti il caso che, sovente, quelle pagine pubblichino roba per me troppo complicata, quando non  difficile. Ma finalmente ecco il giorno del grande riscatto, laddove il ‘Corrierone’ pubblica un articolo sulle Maldive. ‘Roba’ stavolta (e finalmente) avente da spartire col turismo. Un business vasto e multiforme che a macchia d’olio coinvolge e dà da campare ad agenti di viaggi, albergatori, tour operators e ristoratori, a cui aggiungere taxi e ai cibi cotti… per non parlare delle varie Az, Af, Lh, Ib , e ‘compagnia cantando’; chiudendo, last but not least, con la stampa specializzata.

Arcipelago delle Maldive, Isola di Lancanfinolhu 

Maldive 2Un business benemerito, il turismo (nel quale, per saperne di più, ho bazzicato in duplice veste, dapprima tour operator, eppoi scriba) per il semplice dettaglio che oltre a darti da campare ti permette di andare ad ammirare qualche fetta di ‘sto scombinato mondo (sennò, sai che bello – salvo le solite vacanze a, con tutto il rispetto, Viserbella e/o Varigotti – dopodiché tutta l’esistenza nel paesello natio e la domenica, dopo la messa, aperitivo e pasterelle al bar Centrale?). Invece, eccomi alle Maldive, giuntovi stavolta con la sola lettura (nel citato supplemento del “Corriere”) di “Ventiquattro ore da straricco”. Per farla breve, nel prestigioso quotidiano milanese, Angelo Ferracuti (che simpaticamente precisa: “Sono nato in una famiglia cattolica e francescana dove il lusso era considerato peccato”, confermandomi pertanto che la nostrana religione, più bacchettona di così non si può…), conta su di essere andato sulla maldiviana isola di Lancanfinolhu per celebrare il cinquantenario di nascita della di lui sposa (un bravò ai cattolici, gli agnostici preferiscono festeggiare il compleanno dell’amante…).

Modesti dettagli sul cibo 

Maldive 3Dopodiché (citando pure una graffiante frase di Victor Hugo, che ben si addice al turismo: “E’ dell’inferno dei poveri che è fatto il paradiso dei ricchi”) Ferracuti ne racconta delle belle sul Resort. O meglio, più che un racconto di vicende sexy (perché se vai in un posto carissimo almeno una scopata la devi fare, fosse anche con la tua lady), l’autore, non senza precisare che nel Resort esistono vere e proprie “classi sociali, caste” di clienti, tra dormire e (pure!) magnare (robb de matt, Marx ed Engels nell’hotellerie maldiviana!…) passa a elencare (senza però precisare se si applicano solo ai sciur  oppure anche ai paria) alcune (riporto quanto scritto) “tariffe”.

Maldive cucina

Roba (decida il lettore, se la trova costosetta) tipo: “Antipasto freddo con insalata di mare, calamari e octopus” 96 US Dollars 96, “Spaghetti alla bolognese” (18), “Sandwich” 16 (ohèi la peppa! ndr ), “Pizza al tramonto con pomodoro, mozzarella e olive” 28 (ma se si ha fame prima o dopo il tramonto, e si volesse risparmiare 6 US Dollars, in tal caso c’è la “Pizza Capricciosa” che ne costa 22); dopodiché per i gentili clienti che hanno appena vinto al Totocalcio c’è (ça va sans dire) “Aragosta grigliata” (106); né manca una non meglio specificata “Cena nell’acqua” (senza precisare se sopra o sotto) al costo di 100 (sempre US Dollars). Se poi (dopo tutta la suesposta Grande Bouffe)  la coppia si ritrovasse con qualche kiletto in più (e qualche centinaio di US Dollars in meno) beh in tal caso ecco bell’e pronto il “Trattamento al centro benessere” laddove di US Dollars te ne cuccano 449 “a coppia”, (ma quant’è buona Lancanfinolhu) solo 224 US Dollars e 50 cents a cranio.
Tante tariffe senza però specificare quanto costa farsi una bella doccia (nei ‘servizi’ della propria camera, sempre che ci siano, i ‘servizi’, e quanto alla camera vedasi le tariffe variès).
p.s. Visti i baldi costi di cui sopra, mi spiego perché hanno aumentato le tariffe alla “Pensione Mariuccia” di Torre Pedrera …

Leggi anche:

Alfabeto turistico e paraturistico dalla lettura dei giornali

Al Sud in treno per visitare i Borghi più belli d’Italia

Il paradiso nella profondità dei mari. Immersioni da sogno

© RIPRODUZIONE RISERVATA