Martedì 27 Febbraio 2024 - Anno XXII

Autunno in Umbria: arte, cibo, spiritualità

Autunno in Umbria Gualdo-Cattaneo1

Dal 1 al 25 novembre in Umbria è protagonista l’olio. Alla XXI edizione di “Frantoi Aperti” degustazioni con olio extravergine di Oliva Dop, vino Sagrantino DOCG, prodotti dei boschi e il Cicotto di Grutti. Tre piccoli borghi: Giano dell’Umbria, Gualdo Cattaneo, Montone

Autunno in Umbria Giano dell'Umbria
Giano dell’Umbria

L’Umbria è la terra dei borghi medievali. Castelli e rocche sono ben conservate. Ma è anche una terra di prodotti enogastronomici di grande valore: vino Sagrantino e olio in testa. Una visita in questa terra di arte, cibo e spiritualità può essere programmata in occasione di Frantoi Aperti in Umbria. Iniziativa dedicata alla valorizzazione dell’Olio extravergine di oliva DOP Umbria e del turismo in campagna nel periodo della frangitura, organizzato della Strada dell’Olio extravergine di oliva DOP Umbria. L’evento, giunto alla XXI edizione, quest’anno si terrà dal 1 al 25 novembre (www.frantoiaperti.net). Autunno in Umbria per ammirare le 13 città e borghi che hanno aderito all’evento e degustare i prodotti autunnali della gastronomia locale e l’olio extravergine d’oliva in comnpagnia di esperti assaggiatori.

Autunno in Umbria: Gualdo Cattaneo

Autunno in Umbria Gualdo-Cattaneo-2
Gualdo Cattaneo

Tra i comuni aderenti c’è Gualdo Cattaneo che il 3 e 4 novembre propone “Sapere di Pane, Sapore di Olio. Bianco e verdi nei Castelli”(www.saperedipanesaporediolio.it). Nei due giorni il centro cittadino si animera con giochi per bambini, mercati di prodotti tipici e artigianato, concerti e cooking show. In programma anche itinerari tra castelli e frantoi dove poter assaggiare l’Olio Extravergine di Oliva appena franto e il tipico Cicotto di Grutti, Presidio Slow Food.
Gualdo Cattaneo è arroccato sulle propaggini dei Monti Martani, tra i torrenti Puglia e Attone. Singolare è la presenza di una serie di castelli e fortilizi che nel periodo medievale servivano come sistema difensivo, oggi sono un museo a cielo aperto: Castello di Barattano, Marcellano, Ceralto e Grutti. Il monumento più importante è la Rocca, una fortezza triangolare con un mastio centrale e due rondelle laterali comunicanti tra di loro attraverso un sistema di cunicoli sotterranei. Fu costruita tra il 1494 e 1498, per volere della città di Foligno, su progetto di Francesco di Bartolomeo di Pietrasanta. La Rocca conserva immutato il suo aspetto originario.

LEGGI ANCHE  Mi spruzzo un abito ed esco

Autunno in Umbria: Giano dell’Umbria “Festa della Frasca”

Autunno in Umbria Giano-dell'Umbria-Abbazia-San-Felice
Abbazia di San Felice, Giano dell’Umbria

Giano dell’Umbria celebra (1 – 4 novembre e 24 – 25 novembre) i suoi olivi e l’olio nuovo con la “Mangiaunta” e la “Rievocazione della Festa della Frasca” con la tradizionale sfilata dei carri e coglitori in abiti tradizionali (www.visitgianoumbria.it). Durante i due eventi sarà possibile partecipare a tour per cantine e visite al territorio e ai frantoi in lavorazione con degustazioni di olio appena franto, allietate da concerti. Sarà proposto un brunch tra gli olivi nell’oliveto di fronte all’Abbazia di S. Felice e a seguire visita guidata dell’Abbazia e passeggiata fino al Castello di Castagnola.
L’Abbazia di San Felice, luogo dello spirito e della preghiera, è un capolavoro dell’arte romanica del XII secolo. Il chiostro e il convento furono edificati tra il XVI e il XVIII secolo. Qui i due aspetti più tipici di tutto il territorio umbro, quello mistico e quello enogastronomico, si fusero armoniosamente: i monaci, infatti, affiancarono alla loro sapiente attività intellettuale e di preghiera, quella della coltivazione dell’olivo, non solo incrementata, ma anche arricchita di una nuova varietà “il dolce San Felice”.

Autunno in Umbria: Montone la “Festa del bosco”

Autunno in Umbria Montone-centro-storico
Montone

Montone è uno dei Borghi più Belli d’Italia. Immerso nelle verdi colline dell’Umbria settentrionale, conosciuta come “Alta Valle del Tevere”, è circondato da possenti mura. Strette e tortuose le strade che percorrono il centro in ogni senso, in un susseguirsi di architetture sovrapposte, archetti rampanti, scorci che si aprono su piazzette e orti ricchi di luce e colore. Il miglior itinerario da proporre a Montone è quello di perdersi alla scoperta di siti imprevisti, nelle botteghe artigiane e nelle casupole arroccate sulle antiche mura cittadine. Qui dall’1 al 4 novembre, c’è la “Festa del Bosco” (www.comunemontone.it), mostra mercato dell’artigianato e dei prodotti del bosco allestita in vecchie cantine, botteghe dove si trovano e si possono acquistare tartufi, funghi, salumi da filiera locale, marmellate e mieli, e pure la patata bianca di Pietralunga, prodotta alla maniera antica, naturale. Le patate vengono anche vendute in prodotti trasformati del tutto originale: marmellate e liquori alle patate. Durante i quattro giorni, nelle tre taverne dei rioni storici degustazioni dei prodotti del bosco e vari spettacoli con musica per le strade e animazione per bambini.

LEGGI ANCHE  I Masi delle vigne e del vino
Leggi anche:

Mandrarossa la festa della vendemmia a Menfi

Occasioni golose in giro per l’Italia

Tour di gusto tra sagre e fiere in terra di Romagna

Condividi sui social:

Lascia un commento