Sabato 19 Ottobre 2019 - Anno XVII
La piazza di Palazzo Lombardia con gli stand per il Festival della mobilità elettrica

La piazza di Palazzo Lombardia con gli stand per il Festival della mobilità elettrica

e_mob, il futuro della mobilità elettrica è qui

Milano per due giorni ha accolto la terza edizione di e_mob, il Festival della mobilità elettrica. A Palazzo Lombardia si sono svolti conferenze e incontri per parlare di emissioni zero. Auto, bici, scooter intervenuti al raduno dei veicoli elettrici. Nuove proposte dalle case automobilistiche

Gli eventi di e_mob

e_mob Bici-boshLa terza edizione di e_mob, il Festival dell’eMobility ovvero della mobilità elettrica, si è svolto dal 26 al 28 settembre a Milano. Il Palazzo Lombardia ha messo a disposizione gli spazi interni ed esterni per rendere concreta la mobilità a emissioni zero e far scoprire come muoversi nel rispetto dell’ambiente.
Numerose le iniziative svolte tra conferenze e incontri. Negli spazi esterni di Palazzo Lombardia sono state esposte le varie declinazioni di veicoli elettrici oggi disponibili. Dalle automobili agli scooter, dalle biciclette ai veicoli pesanti. La rivoluzione elettrica sembra sia prossima a divenire concreta.

A confermarlo le vendite in forte crescita dei veicoli di tutti i comparti della mobilità. Scopo primario l’esigenza di ridurre le emissioni di gas serra e inquinanti. In Italia solo lo 0,5 % delle vetture circolanti sono elettriche. Non sono mancate occasioni di intrattenimento per avvicinare bambini e ragazzi, futuri fruitori della mobilità elettrica, al mondo delle zero emissioni. Presenti laboratori creativi all’insegna del divertimento. Spiegato ai giovani il ciclo virtuoso della mobilità elettrica partendo dalla produzione di energia “pulita” fino all’assenza di emissioni allo scarico dei veicoli.

e_mob, adunata allegra e silenziosa

e_mob NissanA chiudere e_mob 2019 il “popolo elettrico” arrivato per il consueto raduno dei veicoli elettrici, un’adunata allegra e silenziosa. Un incontro tra coloro che hanno scelto di muoversi a emissioni zero. Per concludere in bellezza c’è stato il gemellaggio con la 1000 Miglia Green. Variante dedicata alle auto ecologiche (elettriche, ibride e fuel cell) della gara di regolarità più famosa al mondo. L’arrivo di queste auto silenziose è avvenuto in piazza Gae Aulenti a breve distanza dal luogo dove sui teneva e_mob. Tra le numeose vetture partecipanti la Detroit Electric Model 95 del 1924, la Zagato Milanina del 1989, due Volkswagen Kaefer (il Maggiolino). Molti i modelli elettrici, ibridi plug-in e fuel cell in commercio o prossimi al debutto.

I mezzi elettrici di oggi e di domani

Jeep-FCA

Jeep Compass

Al Festival dell’eMobility in Piazza Città di Lombardia erano esposti i modelli attuali e futuri. Molti si potevano provare ne ll’area test per apprezzare direttamente i vantaggi della mobilità elettrica. Tra queste la silenziosità e l’elevata coppia. Le maggiori case del settore auto hanno esposto i loro modelli. La FCA col concept urbano Fiat Centoventi e Jeep Compass, ibrida plug-in per muoversi a emissioni zero in città senza limitare i viaggi avventura.

e_mob Jaguar I-Pace

Il suv sportive della Jaguar

Il Gruppo PSA ha presentato le novità più attese del futuro prossimo: Peugeot e-208 e l’Opel Corsa-e, affiancate dall’innovativa DS 3 Crossback e-Tense. Jaguar ha portato I-Pace, suv sportivo da 400 CV. Le proposte di Volvo e la variante elettrica della Volkswagen più famosa, la e-Golf. E ancora le vetture già sul mercato, nate dall’alleanza Nissan-Renault, la giapponese Leaf nella variante con batterie da 40 kWh e il minivan Evalia a 7 posti con pari capacità energetica. La Renault, nel settore da 10 anni, ha presentato la nuova Zoe con accumulatori da 41 kWh affiancata dalla piccola Twizy e dalla Kangoo Z.E., ideale anche per la distribuzione dell’“ultimo miglio”.

e_mob e le due ruote

Scooter-elettriciIl settore delle due ruote era presente con le sportive di Energica, marchio fornitore del campionato mondiale di Moto E, con le emozionanti Eva e Esse Esse 9. Gli scooter elettrici di Askoll e Niu, due marchi che hanno i modelli più competitivi sul mercato. Il primo con Quadro Oxygen e la linea eB di bici a pedalata assistita, il secondo con i modelli NGT e M+ Sport. Vasta la scelta per chi è alla ricerca di mezzi per spostarsi in modo rapido e veloce in città. Si va dai monopattini elettrici di Circ, alle biciclette con le ultime novità a pedalata assistita con tecnologia Bosch.

e_mob per il trasporto di merci e persone

Fiat-Ducato-trasporto-merci

Camion a batterie Minivirta Transport per il trasporto di merci

Altro settore rappresentato era quello del trasporto merci e persone, con l’atteso Fiat Ducato Electric e il camion a batterie della Ninivirta Transport, mentre l’area espositiva di ATM presentava tutta la flotta elettrica dall’autobus al nuovo filobus, prossimo ad attraversare le vie di Milano.

Il futuro della mobilità urbana a due e quattro ruote si lega alla sharing mobility, infatti il mondo della condivisione era rappresentato dai servizi di scooter sharing MiMoto. Ma anche dal car sharing Share Now nato dall’unione di car2go e Drive Now e dal sistema E-Vai, primo servizio di condivisione regionale attivo in Lombardia.

Benefici e soluzioni future

Energia-del-tempoNel pomeriggio del 26 settembre abbiamo assistito alla tavola rotonda “Innovazione e ambiente: lo stato dell’arte e gli scenari futuri della mobilità elettrica”. I vari interventi da parte degli attori più coinvolti nel processo della mobilità elettrica, associazioni, utenti e produttori hanno posto in luce gli aspetti positivi e le problematiche che dovranno trovare soluzione. Sicuri i benefici in termini di impatto ambientale con la riduzione delle emissioni di gas serra e inquinanti in ambito urbano, e di rigenerazione urbana, con più spazio nelle città da recuperare dai parcheggi, attraverso la mobilità condivisa ed elettrica, soprattutto in termini di utilizzo nel cosidetto “ultimo km”.
L’impatto sociale sulle imprese vedrà ripercussioni sulla produzione della componentistica (dato il minori numero di pezzi sull’auto elettrica rispetto all’auto normale) cambiando il quadro delle aziende coinvolte. Il mondo del lavoro avrà bisogno di lavoratori con nuove professionalità e formazione.

Il punto di vista dell’utente

e-mob Colonnina-ricarica-elettricaConsiderando che le batterie rappresentano metà del valore di un’auto elettrica, la sfida sarà in termini di sviluppo tecnologico delle batterie stesse e della loro autonomia. Tema strettamente legato alle infrastrutture di ricarica che dovranno avere una localizzazione strategica ed un aumento dei punti. Una rete di colonnine con ricarica veloce. Una produzione di energia da fonti rinnovabili e stazioni in ricarica continua per i viaggi extraurbani. E’ stato illustrato anche un progetto di ricarica bidirezionale ovvero di auto elettriche con tecnologia vehicle –to -grid/vehicle –to-home in grado cioè di cedere energia alle abitazioni in caso di picco di richieste, il tutto nell’ambito di un sistema complesso.

Il punto di vista dell’utente ha evidenziato le ripercussioni socio-economiche sulla vita dei cittadini la cui analisi costi/benefici dovrà tener conto sia dell’ elevato prezzo delle auto, attenuato da incentivi e agevolazioni, sia dell’attuale costo dell’energia. Oltre alla diffusione dei punti di ricarica privati e condominiali, per la cui implementazione ancora ci sono problematiche aperte. Infine è stato auspicato un lavoro di squadra di tutti gli attori del processo per far percepire i vantaggi della mobilità elettrica all’utente finale, attraverso l’elaborazione di soluzioni concrete per rendere la stessa mobilità elettrica usufruibile in modo facile e conveniente.

Leggi anche:

La storia dell’auto alla Coppa dei Tre Laghi Varese Campo dei Fiori

Al di là del Bosforo tra antiche dimore e tour gastronomici

L’Isola dei Pescatori scenario di un evento dedicato ai laghi e ai fiumi

© RIPRODUZIONE RISERVATA