Sabato 25 Settembre 2021 - Anno XIX
MINI John Cooper Works: una piccola sempre più grande

MINI John Cooper Works: una piccola sempre più grande

Design purista, equipaggiamento di serie esteso, nuovo sistema operativo e accattivanti pacchetti di optional. MINI John Cooper Works è l’auto sportiva di punta nel segmento delle compatte premium.

1964-Montecarlo-RallyJohn Cooper, titolare di un team di Formula 1, si innamorò subito della piccola Mini, lanciata pochi anni prima. Nel 1961 decise di elaborarla e svilupparla per impiegarla nelle competizioni sportive, creando cosi la Mini Cooper. Negli anni seguenti uscirono varie versioni sempre più potenti e performanti. La piccola ex utilitaria partecipò e si aggiudicò la vittoria al Rally di Montecarlo nel 1964, 1965 e 1967. In realtà vinse anche nel 1966 ma fu squalificata per una irregolarità dei fanali.

Il marchio Mini Cooper rilevato da BMW

Mini-Cooper-rally-MontecarloNel 1994 il marchio MINI sarà acquisito dalla BMW. Il nome Cooper, invece, è stato concesso in licenza alla casa tedesca per le versioni più sportive della seconda generazioni della Mini, ispirate all’originale. Oggi la MINI John Cooper Works si presenta nuovamente rinnovata e con un particolare fascino. È considerata l’auto sportiva di punta nel segmento delle compatte premium. Nuovi dettagli di design e un equipaggiamento ampliato, ulteriormente personalizzabile con accattivanti pacchetti optional.

Mini-John-Cooper-Works-1

Il muso con i fari ovali a Led e la griglia del radiatore esagonale

Nella parte anteriore della vettura evidenti i fari a LED rotondi. Così la griglia esagonale del radiatore, che presenta una barra trasversale rossa e si estende ora molto in basso. Entrambi sono particolarmente evidenti. Le aperture per l’aria di raffreddamento allargate assicurano un controllo ottimale della temperatura degli impianti di trasmissione e dei freni in situazioni di guida estremamente sportive. Sono state ridisegnate anche le mascherine laterali specifiche del modello sui pannelli laterali anteriori e la grembialatura posteriore. Quest’ultima presenta un diffusore distintivo per ottimizzare il flusso d’aria nella zona posteriore del sottoscocca; inoltre l’impianto di scarico sportivo ha due terminali in acciaio inossidabile da 85 millimetri.

Caratteristiche tecniche della nuova MINI

Mini con al posteriore due terminali di scarico

Posteriore due terminali di scarico

Il motore è a quattro cilindri con tecnologia MINI TwinPower Turbo, progettato grazie all’esperienza racing di John Cooper Works. Sviluppa una potenza massima di 170 kW/231 CV e una coppia massima di 320 Nm da una cilindrata di 2,0 litri. Il cambio è manuale a 6 rapporti di serie e impiega solo 6,3 secondi per accelerare fino a 100 km/h; con il cambio opzionale Steptronic Sport a 8 marce, solo  6,1 secondi.

I freni Brembo a pinza fissa con dischi ventilati internamente sulle ruote anteriori e le pinze dei freni rosse con il logo John Cooper Works forniscono una decelerazione potente. Accenti di colore accattivanti si trovano dietro i cerchi in lega leggera John Cooper Works da 17 pollici di serie. Come optional sono disponibili anche cerchi in lega da 18 pollici, compreso il nuovo design John Cooper Works Circuit Spoke a 2 tonalità.

MINI John Cooper Works: rivestimenti e tecnologia interni

Mini-John-Cooper-Works potente

La piccola sportiva di punta

Le sospensioni adattive fanno anche parte dell’allestimento John Cooper Works, che comprende, tra l’altro, superfici esterne e interne in Piano Black high gloss, rivestimenti in Dinamica/Pelle in Carbon Black per i sedili sportivi John Cooper Works e una verniciatura esterna particolarmente pregiata. Si può scegliere tra Chili Red, Rebel Green, disponibile esclusivamente per il modello MINI John Cooper Works, e le nuove varianti Island Blue metallic e Rooftop Grey metallic

Mini filante su ogni tracciato

MINI John Cooper Works linea filante per ogni tracciato

MINI John Cooper Works dispone anche di uno strumento centrale ridisegnato con un display touch da 8,8 pollici in design black panel di serie, nonché di un nuovo sistema operativo con una moderna visualizzazione grafica che rende la selezione e il controllo delle funzioni del veicolo, del programma audio, della navigazione, della comunicazione e delle app ancora più intuitivi.

I lunghi rettilinei risvegliano la sua capacità di inseguimento, sulle curve strette mostra il suo talento inconfondibile, ogni chilometro diventa un’esperienza – non solo su pista, ma anche su strada. L’assetto sportivo specifico del modello della MINI John Cooper Works contribuisce all’agile maneggevolezza, che non entusiasma solo durante le veloci combinazioni destra-sinistra sulla pista, ma anche nel tortuoso traffico cittadino.

Leggi anche:

Una vita da Vespa

Le nuove Jeep 80th Anniversary

Toyota Highlander: il mega SUV ibrido

© RIPRODUZIONE RISERVATA