Venerdì 12 Aprile 2024 - Anno XXII

Brescia insolita e segreta

Brescia insolita e segreta rifugio antiaereo

Viaggio eccezionale e sorprendente fra luoghi misteriosi e sconosciuti, enigmatici e curiosi scorrendo le pagine di “Brescia insolita e curiosa”, la guida realizzata da Emanuele Roncalli e Sandra Morelli.

Brescia insolita e segreta “Brescia insolita e segreta” è una guida che va ad indagare la città che insieme a Bergamo è stata Capitale della Cultura 2023. Gli autori Emanuele Roncalli e Sandra Morelli accompagnano il lettore curioso in un viaggio di scoperta fra luoghi misteriosi. Brescia insolita e segreta fa parte della serie di guide edite da Jonglez che portano a scoprire misteri e tesori nascosti delle città. Sono guide che oltre a luoghi sconosciuti ai più portano mostrando itinerari lontani dalla folla e dai cliché abituali.

La Guida dedicata alla Città della Leonessa, come viene chiamata Brescia, nelle 336 pagine indaga 125 luoghi, con oltre 150 fotografie a colori. Una quantità di suggestioni che si svelano agli abitanti e ai viaggiatori che scelgono di abbandonare i sentieri più battuti.

Una guida indispensabile per chi pensa di conoscere bene Brescia o per coloro che vorrebbero scoprire un altro volto – quello più nascosto – della città e del suo territorio circostante. Perché il viaggio degli autori si spinge oltre la città per rilevare anche luoghi “insoliti e segreti” della provincia.

Brescia insolita e segreta: situazioni curiose e bizzarre

Libri e guide Brescia insolita e segretaIl lettore si sorprenderà nello scoprire la strada romana dentro una profumeria o la nicchia di un altare che guarisce il mal di testa. E ancora la casa del collezionista di cervelli di delinquenti, lo scolatoio per cadaveri all’aperto, la statua gigante di un Papa in una cantina o l’armadio nascondiglio di un ristorante.

Si legge anche di affreschi di scimmie in atteggiamenti erotici, enigmatici simboli, sigle sui palazzi, volti di affreschi sui muri, la ruota degli esposti, la svastica degli scavi archeologici, i relitti del lago. Si scoprono anche le camere a gas e la stanza delle torture naziste in una cantina, i buchi del latte e persino un coniglio rosa: un’infinità di luoghi e situazioni bizzarre.

LEGGI ANCHE  Iran: un viaggio in Persia tra Oriente e Occidente

Ma si scopre anche dove si trovano i rifugi antiaerei usati durante la seconda guerra mondiale per dare riparo ai residenti tra il febbraio 1944 e l’aprile 1945. Alcuni di questi segnalati sui muri di abitazioni private con le sigle R (rifugio) o US (uscita di sicurezza). Il più importante si trova al numero civico 11 di via Odorici: è un rifugio antiaereo edificato negli anni ’40. Oggi, quello spazio sotterraneo, ribattezzato Bunkervik, viene utilizzato per eventi e mostre.

Brescia insolita e segreta, di Emanuele Roncalli e Sandra Morelli, Edizioni Jonglez – pagine 336, € 17,95

Autori

Emanuele Roncalli, laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista e scrittore. Ha al suo attivo diverse pubblicazioni in ambito storico, turistico e locale. Ha pubblicato con gli editori: Rusconi, San Paolo, Cairo, Burgo, Marzorati, Mattioli, Morellini. Fra le sue pubblicazioni ricordiamo: I Grandi di Bergamo (1991- 1993, 2 vol.); I misteri di Bergamo (1995-2000, 2 vol.) per Burgo Editore. Per le Edizioni Jonglez ha pubblicato Bergamo insolita e segreta (2018). Collaboratore e ospite di alcuni programmi Rai e Mediaset, nel 2020 ha ottenuto il Premio Natale Ucsi.

Sandra Morelli, laureata in Storia contemporanea, è guida turistica abilitata per Brescia e provincia. Presidente dell’Associazione Culturale Arnaldo da Brescia, è componente di giuria in numerosi concorsi letterari. Ha collaborato con varie testate giornalistiche locali.

Leggi anche: 

NEUROSCIENZE DELLA NARRAZIONE. LO STORYTELLING NELL’ERA DELL’INTELLIGENZA ARTIFICIALE

ROSSO COME L’AVORIO

SERENA CUCINA: RICETTE GUSTOSE E VELOCI DA PREPARARE

Condividi sui social: