Venerdì 26 Febbraio 2021 - Anno XIX
Normandia, i luoghi dello sbarco e della battaglia

Normandia, i luoghi dello sbarco e della battaglia


<span style=Normandia i luoghi dello sbarco e della battaglia
di Mario Bussoni
collana “Un viaggio nella storia”, editore Mattioli 1885, pag. 146, € 14,00.
” width=”141″ height=”216″>
Normandia i luoghi dello sbarco e della battaglia
di Mario Bussoni
collana “Un viaggio nella storia”, editore Mattioli 1885, pag. 146, € 14,00.

Il libro, appena pubblicato, è il primo di una collana denominata “Un viaggio nella storia”, edita da “Mattioli 1885”. Normandia i luoghi dello sbarco e della battaglia non è una ennesima guida sulla Normandia. Qui non c’è solo l’interesse turistico e non vi è neppure quello esclusivo per la storia. Entrambe le cose sono scritte e disposte per soddisfare quei lettori curiosi e attenti ai fatti storici, e anche per dare spunti informativi e di conoscenza per quanti vogliano avventurarsi in quei luoghi segnalando e mostrando cosa c’è ancora da vedere.
L’autore, Mario Bussoni, si sofferma a raccontare con precisione, e passo dopo passo, la sequenza degli accadimenti, le date, gli uomini impiegati e i mezzi, i personaggi, le scelte e le paure dei maggiori protagonisti che hanno cambiato la storia del Mondo in quel fatidico 6 giugno 1944 sulle coste della Normandia. Il giorno più lungo che ha visto lo sbarco alleato attaccare e sconfiggere quella che veniva definita dai tedeschi la Fortezza Europea.
Nella seconda parte del libro si presentano, in una sorta di itinerari di viaggio, tutti i luoghi dello sbarco e della battaglia. Ci sono precisazioni e curiosità. Racconti di prima mano di persone viventi, come il caso di Arlette Gondrée, proprietaria del Pegasus bridge Café Gondrée a Bénouville, luogo simbolo e di pellegrinaggio dei veterani del D day. Oppure, visitando la Batterie di Merville-Franceville colpisce che tutt’intorno il terreno appaia come un susseguirsi di profondi crateri.
Il volume si propone come una guida storico-turistica di nuova concezione. Esso nasce dall’esigenza -come si legge nella prefazione- di soddisfare chiunque voglia capire i fatti, scoprire i personaggi che li hanno determinati e, soprattutto, ritrovare nei vari luoghi quello che oggi è realmente rimasto ancora da vedere, senza trascurare l’altra parte eccitante di qualsiasi viaggio: l’esperienza gratificante che, comunque, deve essere sempre intesa anche come una vacanza.
Gli elementi per un viaggio nella storia e su ciò che resta di quei luoghi ci sono tutti.

(Pi.Ricc.)
© RIPRODUZIONE RISERVATA