Domenica 14 Agosto 2022 - Anno XX
Sicilia: la ricchezza dei Beni Culturali del Patrimonio Unesco

Sicilia: la ricchezza dei Beni Culturali del Patrimonio Unesco

La Regione Sicilia propone la scoperta di luoghi fuori dagli usuali itinerari turistici. Dal museo diffuso a insoliti percorsi legati ai poli d’attrazione dei circuiti patrimonio Unesco

Valle dei Templi
Valle dei Templi

La Regione Sicilia ha presentato alla Bit l’unicità dell’isola. In un incontro stampa l’Assessore al Turismo Cleo Li Calzi e l’Assessore ai Beni Culturali Antonio Purpura hanno messo a fuoco la notevole concentrazione di siti monumentali, archeologici, naturalistici ed immateriali iscritti alla World Heritage List e dichiarati patrimonio dell’umanità che si trovano sull’isola.
Un primo passo per la creazione del cosiddetto museo diffuso sarà quello di valorizzare i poli di attrazione legati al patrimonio UNESCO e su questi costruire un’offerta di percorsi diversificati.
Si sono quindi esemplificati nuovi itinerari che possono  far sperimentare al viaggiatore il circuito Unesco partendo dalla Valle dei Templi (Ag), la Villa del Casale (EN), le Isole Eolie, le Città tardo barocche del Val di Noto, Siracusa e la Necropoli rupestre di Pantalica, il vulcano Etna (tra i vulcani più attivi del mondo), l’Opera dei Pupi (Pa) e la vite ad alberello di Pantelleria – più famoso come Zibibbo di Pantelleria – che rappresenta, dal novembre del 2014, il primo inserimento di una pratica agricola quale bene immateriale e culturale e la Dieta mediterranea.

Attrazioni culturali, naturalistiche, archeologiche e sensoriali

Il vulcano Etna
Il vulcano Etna

Un itinerario che tocchi quest’immenso patrimonio permette di far scoprire un insieme di attrazioni culturali, naturalistiche, archeologiche e sensoriali uniche al mondo.
La strategia evidenziata è centrata dunque intorno alla valorizzazione dell’attrattore Unesco, che diventa la parola d’ordine creare percorsi, itinerari, luoghi esclusivi e innovativi di visita.

Questo paesaggio così ricco e vario è stato lo sfondo perfetto del film Italo che, partendo da un fatto realmente accaduto, racconta una Sicilia autentica ed integra, e soprattutto luoghi insoliti ma ricchi di fascino: architetture tardobarocche, la pietra dura delle grotte nelle cave naturali scavate nei secoli, gli scorci delle città di Scicli e Modica.
Mentre sta per essere ultimato il documentario CityZen del Regista Ruggero Gabbai, realizzato in co-produzione con la Film Commission di Sicilia sul quartiere Zen a Palermo: un esempio di narrazione della Sicilia e dei suoi luoghi meno conosciuti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA