Giovedì 29 Settembre 2022 - Anno XX
I campi di lavanda sono il simbolo della Provenza

I campi di lavanda sono il simbolo della Provenza

Provenza terra di profumi, sapori, suggestioni

Provenza Alpi Costa Azzurra e Christian Etienne, chef stellato di Avignone, hanno presentato la regione alla stampa italiana. Ricchezza del patrimonio, bellezza del territorio, arte di vivere. Ma anche natura, cucina e i vini

Provenza Christian Etienne chef stellato di Avignone

Christian Etienne mentre prepara i Carciofi alla barigoule

Provenza è terra di profumi, sapori, suggestioni. Campi di lavanda, ispirazioni shabby-chic e affascinanti cittadine affacciate sul mare. Non solo. La Provenza è anche terra di vigneti sin dall’Antichità. Sono stati i Greci a introdurre la vigna nel sud della Gallia, nel V secolo a.C. Il territorio meridionale, sempre generoso, produce tutti e tre i colori: rosso, bianco e rosato. Provenza-Alpi-Costa Azzurra, regione nel sud della Francia, si è data appuntamento a Milano per presentare alla stampa italiana l’offerta turistica 2016. Per l’occasione è stato anche invitato il grande chef stellato, Christian Etienne, di Avignone, che ha condiviso in diretta i segreti della sua cucina. E’ stato organizzato uno show cooking su misura, dove abbiamo assistito a tutte le fasi della preparazione della ricetta dello chef provenzale: Carciofi alla barigoule al basilico e le sue deliziose Madeleines al Miele di Lavanda e guazzetto d’agrumi e poi degustato queste deliziose specialità accompagnate dai pregiati vini selezionati di Provence: rosati, bianchi e rossi. Gli ospiti e i giornalisti presenti sono stati letteralmente presi per la gola.

Provenza tra mare e montagne

Provenza Parco Naturale Verdon

Uno specchio d’acqua circondato dalle montagne nel Parco Naturale del Verdon

Arte di vivere, ricchezza del patrimonio e bellezza dei siti sono il riflesso di una Provenza variopinta, dove ci si può rigenerare tutto l’anno. Posta nel sud della Francia, tra il mare e le montagne, la Provenza è una terra piena di luce con forti e sorprendenti contrasti. Si passa da una costa di sabbia fine alle Calanques: piccole insenature di roccia bianca affacciate su un mare cristallino. Proseguendo lungo la costa da Nizza si incontrano porti rinomati quali Saint-Tropez, Marsiglia e Tolone, ma anche cittadine costiere come Bandol, Cassis, La Ciotat che costellano e animano il litorale.
Il cuore della Provenza però si trova sulle colline che collegano il mare alle Alpi. Un luogo forse ancora poco conosciuto ma sicuramente interessante per gli amanti della natura è il Parco Naturale del Verdon, una delle sue gemme naturali chiamato anche il  Gran Canyon d’Europa: grandi specchi d’acqua turchese si alternano a gole rocciose, creando uno scenario davvero suggestivo, a pochi chilometri dall’Italia.

Provenza, una luce che ha incantato grandi artisti

Provenza Aix-en-Provance chiostro della cattedrale

Chiostro della cattedrale a Aix-en-Provence

Le colline della Provenza, ricoperte da vigneti, colture e paesaggi colorati, hanno ammaliato grandi artisti. Paul Cézanne nella sua Aix-en-Provence ha messo a terra il suo primo cavalletto.
Nella sua città natale ha dipinto le tele più emozionanti della sua produzione. Aix-en-Provence, capitale storica della Provenza per via del suo ricco patrimonio architettonico, fu chiamata nel XVIII secolo «La piccola Versailles».

Provenza Arles i caffé di van-Ghog

Il famoso quadro dei caffé di Vincent van Ghog

Arles, la città fondata dai Romani sul fiume Rodano, conserva tutto il fascino e i colori delle cose di un tempo perduto.
Oggi si ritrova la stessa luce così speciale che ispirò Vincent van Gogh che qui ha vissuto a lungo e i caffè colorati hanno ispirato i quadri tra i più celebri del pittore olandese.
Il patrimonio antico di Arles è notevole.
Iscritta nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’UNESCO per il suo centro antico e il complesso dei monumenti romani e romanici, la «piccola Roma» non solo sedusse Vincent van Gogh ma anche Pablo Picasso! Oggi accoglie i più grandi fotografi al mondo in occasione delle Rencontres d’Arles, Festival Internazionale di Fotografia.

Alcuni eventi in programma nel 2016

Provenza Avignone Palazzo-dei-papi

Il Palazzo dei Papi ad Avignone

Avignone, famosa nel mondo per il ponte Bénezet e il Palazzo dei Papi, quest’anno, nel Cortile d’Onore del Palazzo dei Papi, si festeggia il 70° anniversario del Festival del teatro di Avignone.

Saint-Tropez, definita la tumultuosa, a fine giugno inaugurerà il Museo della Gendarmeria e del Cinema, proprio nell’edificio della ex gendarmeria resa celebre dalla serie di film “Gendarmes de Saint-Tropez” con Louis de Funès. Pezzi originali, esclusivi e inediti, costituiranno il fondo permanente del museo, che quest’estate proporrà la mostra temporanea “Georges Dudognon, uno sguardo sul cinema della Costa Azzurra- fotografie 1949 – 1966”. A due passi da Saint-Tropez, la città lacustre di Port-Grimaud quest’anno festeggerà 50 anni.
Marsiglia, invece, è la più antica città francese, con l’antico porto greco-romano inserito nel cuore cittadino. Quest’anno ospiterà una mostra su Picasso e le arti popolari: Un genio senza piedistallo dal 27 aprile al 29 agosto, presso il MuCEM, Museo nazionale delle civiltà dell’Europa e del Mediterraneo.
Salon-de-Provence e Saint-Rémy-de-Provence celebreranno il 450° anniversario della morte di Nostradamus, originario dei luoghi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA