Sabato 19 Ottobre 2019 - Anno XVII
La biodiversità del Parco dell’Aspromonte si ammira al museo

La biodiversità del Parco dell’Aspromonte si ammira al museo

Il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria dal 22 marzo al 22 Aprile ospita la mostra “Il Parco Nazionale dell’Aspromonte, unicità e biodiversità di una bellezza rivelata”. Esposte opere fotografiche diorami, video e ricostruzioni dell’habitat

unicità e biodiversità parco-aspromonte

Parco Nazionale dell’Aspromonte

La ricchezza della flora presente nel territorio del Parco Nazionale dell’Aspromonte raggiunge circa 1.500 specie. Unicità e biodiversità floristica, accompagnata da una straordinaria ricchezza faunistica, la si deve alla particolare posizione geografica del massiccio aspromontano che si trova collocato al centro del Mediterraneo.
Nell’ambito del progetto “Natura e Cultura”, condiviso dal Presidente del Parco Giuseppe Bombino e dal Direttore del MAaRC Carmelo Malacrino, si è pensato di diffondere la conoscenza della flora, della fauna, degli habitat e degli ecosistemi della Calabria, nel Grandioso Edificio che custodisce il genio dell’Uomo e i segni millenari della Storia.

In mostra unicità e biodiversità

unicità e biodiversità Museo-archeologico-R-Calabria

Museo Archeologico di Reggio Calabria

Il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, per un mese: da domani 22 marzo e fino al 22 Aprile, ospiterà l’esposizione “Il Parco Nazionale dell’Aspromonte, unicità e biodiversità di una bellezza rivelata“. La mostra, voluta dal Consiglio Direttivo del Parco, propone un viaggio nel cuore dell’Aspromonte e nella sua straordinaria unicità. Oltre 50 opere fotografiche, diorami, video e ricostruzioni dell’habitat aspromontano svelano il grande patrimonio naturalistico, con forte impatto scenico.

La maestosità della montagna si coniuga con i tratti gentili di un compositore di arte visiva. Il giallo delle ginestre si alterna al verde delle faggete, percorrendo i boschi di leccio e le foreste vetuste; mentre lo scoiattolo meridionale, il lupo e il capriolo incontrano la Woodwardia radicans. La forza della luce, i dettagli dei colori, la vita e le sue forme varie animano, con un’unica forza travolgente, un ambiente intatto nel suo immutato splendore. Una mostra che diventa un grande evento documentaristico, e una nuova occasione per esaltare la grande potenzialità di un territorio che rivela la sua bellezza.

Leggi anche:

Con la primavera ritorna anche Be Nordic18

A Genova torna Euroflora 2018

Villa Arconati, la ‘Versaille di Milano’ si prepara ad aprire le sue porte

© RIPRODUZIONE RISERVATA