Sabato 3 Dicembre 2022 - Anno XX
Dolomiti Ski Jazz (di Nicola Malaguti)

Dolomiti Ski Jazz (di Nicola Malaguti)

Sulle note Jazz e rock si continua a sciare sulle vette trentine

La Val di Fiemme e la Val di Fassa hanno portato in quota artisti jazz e rock internazionali. Dopo il “Dolomiti Ski Jazz” dal 10 al 17 marzo, la stagione musicale in quota continua con il “Val di Fassa Panorama Music” fino al 7 aprile.

jazz Happy-Cheese-foto-Strada-dei-Formaggi

Foto orlerimages.com e Strada dei Formaggi

Se il vostro sogno è una vacanza sulla neve dove sciare e farsi coccolare, la Val di Fiemme è quello che fa per voi. E siete ancora in tempo per gustarvi una bella sciata, dato che le temperature sono ancora basse e continua a nevicare! Se poi siete amanti della buona musica e vi piace un pizzico di mondanità, questa valle trentina è una delle località invernali con più eventi musicali e kermesse culturali. Ed è proprio sulle note di This land is your land di Woody Guthrie, interpretata dall’esplosiva Francesco Bearzatti Tinissima Band, che si è conclusa la 21ensima edizione del Dolomiti Ski Jazz 2018. Un’edizione davvero da “brividi”, sia per i clamorosi ospiti, sia per le intense nevicate che hanno reso il tutto ancora più magico. Dal 10 al 17 marzo, le baite dei comprensori Ski Center Latemar e Ski Area Alpe Lusia, all’ora di pranzo, hanno ospitato un fitto programma di concerti e jam session di artisti internazionali del calibro di Shanna Waterstown (Stati Uniti) e Kora Beat (Senegal). Gli sciatori così, tra una pista e l’altra, hanno degustato vini, formaggi trentini di montagna e salumi locali proposti da Happy Cheese, godendosi qualche timido raggio di sole sulle note della musica nera.

Dolomiti Ski Jazz 2018

jazz FOTOEPINA

Francesca Bertozzo Hart Quartedt (Foto: E. Pina © Monadointasca)

Mentre gli appassionati di jazz hanno rincarato la dose di ottima musica anche alla sera a Cavalese, Tesero e Predazzo, con concerti di grandi artisti come Gegè Telesforo Quintet, il pianista e compositore francese Christian Sauvage e i giovanissimi Hardrada Quartet. Insomma, un evento davvero da non perdere e che ogni anno cresce sempre più sia per affluenze sia in qualità. Un’esperienza impreziosita da magnifiche sciate sulle lunghe piste, un senso dell’ospitalità unico e una cucina da leccarsi i baffi. Non a caso, infatti, molti ristoranti e rifugi hanno partecipato alla kermesse proponendo piatti dedicati alle icone del jazz. Per citarne qualcuno: al Ristorante Miola (Predazzo), hanno servito il Louis Armstrong: vellutata di pane nero con uovo in camicia, spinaci e cubetti di Puzzone di Moena di malga; al Rifugio Capanna Cervino (Passo Rolle), il Charlie Parker: nido di polenta con formaggi fusi di Fiemme e Primiero, note di marmellata di mirtillo rosso; al Ristorante Costa Salici (Cavalese), il Billie Holiday: caronzei di ricotta affumicata e rapa rossa con burro al papavero.

Fiemme Dj Ski Fest e Val di Fassa Panorama Music

jazz Panorama-Music-Winter-2018

Panorama Music Winter 2018 (pg visitfiemme.it, foto orlerimages.com)

In attesa della prossima edizione e per chiudere la stagione sciistica si prosegue fino al 24 marzo con Fiemme Dj Ski Fest, la grande festa che si tiene ogni anno nei rifugi delle Ski Area Latemar, Bellamonte-Alpe Lusia e Alpe Cermis con dj internazionali mentre a valle i riflettori si accendono per i performer italiani. E ancora, nella valle adiacente, dal 24 marzo al 7 aprile, si prosegue con il  Val di Fassa Panorama Music, terza edizione di un festival in quota dedicato al rock, al funk, al soul e al rockabilly: dieci concerti gratuiti sulle terrazze panoramiche nel cuore delle più note aree sciistiche dell’arco alpino.
Info: www.visitfiemme.itwww.fassa.com/ValdiFassaPanoramaMusic

Leggi anche:

Very Slow Italy la fiera della lentezza e del buon vivere

Passaggio a nord est sui monti della silente Sila

A Genova torna Euroflora 2018

© RIPRODUZIONE RISERVATA