Giovedì 1 Dicembre 2022 - Anno XX
Presentazione di Ulisse Fest alla Terrazza Martini a Milano (Foto: P. Ricciardi)

Presentazione di Ulisse Fest alla Terrazza Martini a Milano (Foto: P. Ricciardi)

Rimini è qui la festa! Tre giorni dedicati alla Festa del Viaggio

La seconda edizione di Lonely Planet Ulisse Fest, la Festa del viaggio, si svolge dall’8 al 10 giugno a Rimini. Il tema di quest’anno è “Al di là del mare”: 60 incontri e oltre 120 ospiti. Un’occasione per visitare i luoghi più belli ed evocativi di Rimini

Ulisse Fest locandinaChapeau! Quei diavoli di rumagnòl balneari ne inventano una più di Bertoldo! Sono più le loro effervescenti idee turistico – promozionali dei weekend annuali disponibili per materializzarle. Ieri è stato presentato a Milano dall’alto del 15° piano della Terrazza Martini “Ulisse Fest”. Per tre giorni: l’8 il 9 e il 10 giugno Lonely Planet, in collaborazione con  l’Assessorato al Turismo dell’Emilia Romagna, celebrerà a Rimini la Festa del Viaggio con  60 incontri, oltre 120 ospiti: dibattiti, testimonianze, spettacoli, musica, film e cibi da tutti i continenti. Tema di questa seconda edizione del festival è “Al di là del mare”: un invito a prendere il largo, a navigare verso l’ignoto e riflettere su ciò che accade intorno, vicino e lontano da noi. Un omaggio a Rimini e alla sua doppia identità di capitale turistica, ma anche la Rimini romana e rinascimentale affacciata sull’Adriatico.

Ulisse Fest va oltre il mare

Ulisse Fest presentazione-Milano

Da sinistra: Eugenia Rossi Di Schio (assessore innovazione digitale Comune di Rimini), Andrea Corsini (assessore regionale Turismo Emilia Romagna), Angelo Pittro (direttore Lonely Planet Italia), Doris Zaccone (Radio Capital, radio ufficiale Lonely Planet UlisseFest)

E dire che per attirare il turismo balneare (a cui si aggiunge il giulebbe di altro divertente tempo libero nelle retrostanti, dolci colline romagnole) basterebbe il Lìssio. Unico ballo agglutinante del Belpaese (se, quanto a leggiadrìa, non siamo al tango, poco ci manca), perché, e con tutto il rispetto, mica vorrete ammannire la tarantella o il tracchelallà alle  burdèle  tedesche (o bustocche che siano) sognanti spiaggiaioli languori al chiar di luna. (Vabbè, ogni tanto ci scappa una casadeiana mazurca, ma solo perché un po’ di folklore rumagnòl  non guasta).  E quanto al genius loci turistico di chi fa promozione tra la Marecchia e il Serchio (se ben ricordo un discorso di un politico guarda caso nato da quelle parti..) la va sempre a finire così, è regola ormai canonica. Finisce l’inverno milanese, tra smog e polveri sottili, l’umile cronista viaggiatorio quasi dimentica (salvo chi la pascoliana Romagna solatia, dolce paese… ce l’ha nel sangue…) l’ultima visita dei facitori di turismo di Rèmmin, quand’ecco che ti ri-appaiono alla Terrazza Martini di Milano. Non solo (ça va sans dire) armati di benefica piè nel senso di piadina scortata da porsùt, squaquerone e forma. Laddove si fa riferimento al parmigiano – reggiano, da qualche stolto detto grana, vabbè proveniente da un posto, noto come Emilia, che, ahimè, solo per bieco ordine alfabetico, precede la terra di (tanto per far nomi) Pascoli, Baracca, Baldini, Longanesi, Artusi, Pipazza Minardi, Malatesta, Fellini ‘da Rimini’ (come la Francesca) e se proprio il cortese lettore non si adonta vorrei pure infilarci il mio babbo, lughese.

Ulisse Fest, Rimini e i grandi romagnoli

Ulisse-Fest-Rimini-(foto: P-Ricc)

Un momento della presentazione alla Terrazza Martini (Foto: P. Ricciardi)

E sempre a proposito dei grandi rumagnòl, per non parlare (stavolta ‘da Forlì’) della Caterina, beninteso Sforza (ma lo sanno i milanès da dove venivano gli artefici del loro più grande momento storico, Leonardo etc?), proprio quella che a quei baloss che l’assediavano minacciando di accoppare i suoi figli, presi in ostaggio, sollevò l’ampia gonna e indicando quell’ambito dettaglio femminile così caro a machos bagnanti sulle spiagge riminesi, e ai loro bagnini, informò l’inimico che di figli ne avrebbe potuto sfornare quant’altri à gogò. (A proposito di forni, ne conosco uno alle Mandriole dove fanno la miglior brazzadela di tutte le Romagne, il problema è trovare l’Albana – evviva quello secco – laddove intingerla, ma, chissà, un salto ai ravennatiMulnèr….finito di tirar su niente, o quasi, al capanno di Casalborsetti). Basta, sennò va a finire che faccio sbadigliare quel paio di lettori rimastimi: oltretutto, se milanesi, così impegnati a vedere se son salite le Montedison e se anche stavolta i fiuciùrs glielo hanno messo in quel posto. Romagna solatìa… dolce paese …. ma adesso, cara gent, tutti a  Rèmmin…

Info su: www.ulissefest.it

Leggi anche:

Sorelle Unesco, nasce un ponte tra Puglia e Basilicata

Grand Tour delle Marche al Castello di Frontone

Al porto di Bari il terminal Crociere trasformato in acquario

© RIPRODUZIONE RISERVATA