Mercoledì 19 Giugno 2019 - Anno XVII
Vigevano

Vigevano

Vigevano: la città ideale di Leonardo Da Vinci

Vigevano è considerata da Leonardi da Vinci una città ideale per le sue opere idrauliche. Nel 1494 Leonardo, che era alle dipendenze di Ludovico il Moro alla corte di Milano, sovrintendeva a Vigevano i lavori di canalizzazione nei dintorni della città

Vigevano, Piazza Ducale
Vigevano, Piazza Ducale

Alcuni dei manoscritti di Leonardo da Vinci parlavano chiaro: è Vigevano, piccolo centro a pochi passi da Milano, dotato di un importante corso d’acqua facilmente canalizzabile, la “città ideale”, capace di soddisfare le esigenze del Duca di Milano, Ludovico il Moro. Nel 1494 Leonardo, che era alle dipendenze della corte di Milano, si trovava infatti a Vigevano per sovrintendere ai lavori di canalizzazione nei dintorni della città. Grandi testimonianze della sua presenza sono in primo luogo il Castello e la Piazza Ducale, ma anche la Sforzesca, con la rete dei navigli, dei mulini e il Colombarone, primo modello di cascina lombarda.

Vigevano esempio di architettura lombarda

Vigevano Piazza-Ducale con il Duomo

Piazza Ducale con vista Duomo

Tra i migliori esempi di architettura lombarda del XV secolo, Piazza Ducale è il cuore antico e moderno della città, il salotto di Vigevano, uno spazio scenografico di grande suggestione e armonia. La grande piazza doveva essere l’anticamera d’ingresso al vicino e imponente Castello visconteo-sforzesco, uno dei più grandi d’Europa. La sua costruzione risale al 1492 per accogliere la visita di Carlo VIII di Francia. La progettazione è stata curata dal Bramante e da Leonardo da Vinci. Scampoli di Vigevano che entrano nelle carte leonardesche, ma nessuna prova che il genio di da Vinci abbia contribuito alla progettazione della piazza, ma sicuramente alla canalizzazione dei corsi d’acqua tutt’intorno. L’attenzione si concentra poi sul Duomo, voluto dal Duca Francesco Sforza II nel 1532, il cui stile rinascimentale si mescola al barocco della facciata. Ammirando la raffinatezza delle decorazioni sulle arcate della piazza, si rimane colpiti dalla Torre del Bramante: è il simbolo di Vigevano, ingresso d’onore al Castello disegnato negli schizzi “ideali” di Leonardo nel 1494. Da non perdere la Strada Coperta, assieme alle Sotterranee, un capolavoro unico in tutta l’architettura castellana europea. Il suo compito era quello di proteggere il passaggio collegando il Castello con la Rocca Vecchia, dove si trova l’edificio della Cavallerizza.
Info: https://it.wikipedia.org/wiki/Vigevano

Leggi anche:

Villa Romana di Positano di oltre duemila anni apre al pubblico

Arte minore dimenticata tra fede e devozione

Genova la Superba e i Palazzi dei Rolli

© RIPRODUZIONE RISERVATA