Mercoledì 20 Novembre 2019 - Anno XVII
Lago di Como

Lago di Como

“Odio l’estate”, torna in mente la canzone di Bruno Martino

Era il 1960 quando questo motivo inondava le radio e le balere. Odio l’estate è ora il mio sentimento pensando alle Feriae Augusti, che si vada ai laghi, al mare o in montagna

Odio l’estate: Laghi

Odio l'estate Gardone-Riviera

Gardone Riviera

Posti ameni, i laghi italici, anche a Ferragosto. Solo che, anche a Ferragosto, dalla strada vedi poco. Perché si parla, in gran parte, di (belle, giura chi le ha viste) ville e magioni, più o meno storiche, di antichi e neo sciur. Edifici che, se non puoi ammirarli (direbbero i miei amici spagnoli) ‘por dentro’, fatichi ad apprezzarli dalla strada statale. Odio l’estate anche perché, beffa massina, sul lago di Como (detto anche Lario, ma non in onore della Veronica), laddove gli indigeni puntano il dito e con una punta di orgoglio ti informano che “quella è la villa del George Clùni”.

Dopodiché molli il Lario, ivi comprese la villa del Clùni e la Veronica (sembra che il Silvio sia gelosissimo, sia del George che della sullodata) e cambi lago (oltretutto stufo di vedere soltanto magioni comprate solo da couturiè variè ancorchè très fameux). E vai su quello (nel senso di lago) detto di Garda (detto anche Benaco). Lì ti fanno vedere dove hanno vissuto il duce e Catullo. Mentre se vai a Stresa, posto carino sul lago Maggiore (detto anche Verbano) ti fanno vedere un isolotto vis-à-vis, aggiungendo che, lì, “c’è la casa del Toscanini”.

Odio l’estate: Monti

Odio l'estate boschi“Due palle” (vabbè, d’altura). Non tanto perché la sera (beninteso informando, quasi a mo’ di showoff socioeconomico, l’invidiante amica rimasta a sudare in pianura) ti tocca metter su il gipunìn (ça va sans dire non firmato, sarebbe da barboni). Bensì (due palle) perché, ogni giorni che dio fa, ti tocca la canonica (non meno che solita, ma dopo 2 o 3 giorni a fare un cazzo qualcosa devi inventarti) ‘andata a funghi’. Solo che, morire che torni mai con (almeno) un ciudìn/chiodino, di porcini nì hablar, manco parlarne.

Ad ogni buon conto li compri in paese raccolti e trasferiti dai Carpazi. In compenso sightseeing alla stalla, per il divertente acquisto dell’appena munto latte. E lì, arditamente (qualcosa di ‘diverso dalla città’ devi pur farlo…) di latte neo-munto ne mandi giù un sorso. Con il conseguente rischio di cagarti addosso per (almeno) 3 o 4 gg salvo complicazioni. Per un salvifico restringente ci pensa la farmacia a fondo valle….

Odio l’estate: Mari

Odio l'estate mare‘Lo dicono’ le riprese tivù balnearferragostane con tutta quell’umanità che pecorescamente (in ordinato senso, chi a destra chi a manca) sfila sulle nostrane spiagge nazionalpopolari. Ma spieghiamoci. Su tante, deserte spiagge atlantico – caraibiche (e beninteso ce ne sono anche sul Pacifico, isole comprese, ci mancherebbe) a passeggiarvi, a Ferragosto, sono in pochi. Per il semplice dettaglio che, tra voli e ben nota rapacità dei tour operators, andarvi costicchia (da cui la chiosa sociologica dei mezzibusto tivù sui posti vacanzieri in cui ci va “chi può permetterselo”… e viva Karl Marx).

mare-lido-ravSolo che anche sulle nostrane coste qualche posto ‘in grazia di dio’, un filino meno incasinato, e comunque meno costoso, ci sarebbe. Ma se sbaglia chi giura che “non ci va nessuno”, è quantomeno chiaro che ad andarci – in quel posto carino ma non caro – sono in pochi. Perché, e diciamocelo una volta per tutte (nonché lungi dal voler apparire banalmente snob), nei posti ‘tranquillini’ e non incasinati, il cosiddetto ‘popol bruto’ (così come un tempo, nei casini, la più volgare della quindicina era la più appetita…), col cacchio che ci va, preferendo, invece, il meravigliosamente volgare struscio sul bagnasciuga (oltretutto arricchito da quel profumato mixage elargito da abbronzanti e sudore ascellare. O no?

Leggi anche:

Geografia è conoscenza del mondo

Riflettori puntati sul cicloturismo a Rimini

Aspromonte, Identità e Colori in mostra al Castello Aragonese

© RIPRODUZIONE RISERVATA