Mercoledì 21 Aprile 2021 - Anno XIX
Piazza San Marco

Piazza San Marco

Venezia compie 1600 anni dalla sua fondazione

Il 25 marzo 2021 ricorre l’anniversario della fondazione di Venezia. Era il 421 di 1600 anni fa con i primi insediamenti sulla Riva Alta (Rialto). L’amministrazione comunale promuoverà una serie di iniziative fino al 2022. Le celebrazioni riguarderanno anche i luoghi della storia della Serenissima Repubblica

Venezia Cà-PesaroVenezia 1600 si prepara a grandi eventi per celebrare la sua fondazione avvenuta il 25 Marzo 421. Il sindaco Luigi Brugnaro e l’Amministrazione Comunale promuoveranno una serie di iniziative che si protrarranno fino al 25 Marzo 2022.
L’intento, oltre a ricordare la nascita di Venezia, è anche quello di far tornare i turisti che sono mancati in questo anno di pandemia. Le celebrazioni di Venezia 1600 saranno estese anche ai luoghi che hanno avuto una parte nella storia legata alla Serenissima Repubblica.

Logo 1600 VeneziaLe ricerche di studiosi e storici non sono riuscite a determinare il giorno esatto della nascita della città lagunare.
Il 25 Marzo è stato scelto come data simbolica. Viene ricordato come il giorno in cui fu posata la prima pietra per edificare la chiesa dedicata a San Giacometo (Rialto) in segno di riconoscenza per aver salvato un operaio da un incendio.

Venezia 1600 una storia che non si ferma

Venezia 1600 Campanile chiesa di Santo Stefano

Campanile chiesa di Santo Stefano sullo sfondo

Secondo la leggenda, il primo insediamento della futura città veneta, fu costruito sulla Riva Alta (da cui il nome Rialto). Era il territorio chiamato Venetia Maritima, appartenente all’impero bizantino. Le popolazioni venete per difendersi dalle scorribande di barbari che imperversarono in quell’epoca in Italia, furono costrette a spostarsi e a rifugiarsi lungo le isolette della laguna.

A partire dal VI secolo Venezia difendese i propri confini e la sua popolazione dai longobardi e dai pirati che volevano ostacolare la sua espansione nell’Adriatico. Inoltre avviò conflitti con Genova e Costantinopoli.

Venezia 1600 e la Serenissima Repubblica

Chiesa greco ortodossa San Giorgio 1587-1603 (archivio fotografico Giacomelli)

Chiesa greco ortodossa San Giorgio 1587-1603 (archivio fotografico Giacomelli)

L’ascesa di Venezia inizia con l’istituzione dello Stato da Mar (1299) per controllare i domini marittimi nell’Adriatico; ma anche nel Mediterraneo orientale con l’annessione di Creta, Cipro e altre isole greche.

La fama della Serenissima si  espande governando altre città quali Verona, Padova, Brescia, Bergamo, Crema istituendo lo Stato da Tera.
Ha inizio un florido e lungo periodo sia di benessere attraverso gli scambi commerciali e culturali con l’Oriente sia penosi conflitti contro l’impero ottomano.

Venezia 1600: Ludovico Manin l’ultimo Doge

Palazzo-Ducale-Loggia-Foscara-dettaglio-gotico-inserito-nel-logo-Venezia1600

Palazzo Ducale, Loggia Foscara, dettaglio gotico inserito nel logo Venezia1600

Il crollo di Venezia si avrà il 12 Maggio 1797. L’ultimo Doge Ludovico Manin e il Maggior Consiglio “consegneranno le chiavi della città” a Napoleone Bonaparte. Quel giorno segnò la fine di una storia lunga tredici secoli. Un tempo durante il quale la Serenissima fu una delle potenze più ricche e longeve d’Europa e il cui impero commerciale dominò il Mediterraneo.

Cosmopolita, multiculturale, tollerante nei confronti delle religioni. Venezia si distinse non solo per i traffici commerciali. Rappresentò una fucina di arti e mestieri artigianali quali il merletto di Burano, l’ebanisteria, il vetro di Murano. Artisti sono immortalati ancora oggi attraverso le loro indimenticabili opere, a Venezia come nei Musei di tutto il mondo.
Del Doge Manin  i veneziani dicevano: El dose Manin dal cuor picinin; l’è streto de man, l’è nato furlan.

L’amministrazione comunale informa che chiunque fosse interessato a proporre iniziative da inserire nel calendario delle manifestazioni, potrà farlo caricando il proprio progetto sul portale www.1600.venezia.it.

Leggi anche:

Dantedì: maratona di 100 lettori per cento canti

La Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico slitta a settembre

2021 Anno Dantesco. Le iniziative e gli eventi

© RIPRODUZIONE RISERVATA