Martedì 4 Ottobre 2022 - Anno XX
La ciliegia più bella d’Italia è di Roseto Capo Spulico

La ciliegia più bella d’Italia è di Roseto Capo Spulico

Domenica 12 giugno si è tenuto il 18° Concorso Nazionale “Ciliegie d’Italia”. In gara venti tipologie di ciliegie, a vincere il premio la ciliegia di Roseto Capo Spulico

ciliegia

La ciliegia rosetana in concorso a Turri

Una vittoria inaspettata, al 18° Concorso Nazionale “Ciliegie d’Italia, svoltosi a Turi, nel Sud-Est barese, domenica 12 giugno, ma che premia gli enormi sforzi di questi ultimi anni messi in campo dall’Amministrazione Comunale e dai produttori rosetani nel coltivare, promuovere e valorizzare questa eccellenza locale. La ciliegia di Roseto è la più bella d’Italia, un riconoscimento che corona un percorso avviato nel 2012 con l’istituzione della Denominazione Comunale d’Origine e che in pochissimo tempo ha saputo raggiungere risultati inimmaginabili.
In concorso venti tipologie di ciliegie provenienti da otto regioni italiane, che hanno creato non poche difficoltà alla giuria nella assegnazione degli ambiti riconoscimenti. La Ciliegia di Roseto, dunque, ha saputo sbaragliare la concorrenza delle altre pretendenti e si è conquistata a pieno titolo il premio come “Ciliegia più bella d’Italia”.

Assessore Nigro e Rosa Celano

L’Assessore Nigro con Rosa Celano mostrano il premio

La consegna del premio è avvenuta per mano del Ministro Boschi all’Assessore Nigro e a Giusy Silvestri, arrivati in contemporanea con la Festa delle Ciliegie che in quelle ore stava animando il centro storico. L’arrivo in “patria” della delegazione rosetana è stato accolto tra gli applausi e la gioia dei tanti cittadini e dei tantissimi ospiti presenti alla festa. Non nasconde l’emozione e la soddisfazione per questo inaspettato riconoscimento il Sindaco di Roseto, Rosanna Mazzia, la quale ha voluto congratularsi con i produttori dell’Azienda Silvestri – Celano per l’ottimo risultato raggiunto e ha annunciato un rinnovato impegno nella valorizzazione e nella promozione della Ciliegia rosetana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA