Martedì 22 Settembre 2020 - Anno XVIII
MusA, apre i musei alle persone con disabilità visive

MusA, apre i musei alle persone con disabilità visive

La nuova App MusA, Museo Accessibile, consentirà la fruizione dell’arte anche a coloro che hanno disabilità visive. MusA è stata realizzata dal Dipartimento di Informatica dell’Università Statale di Milano e utilizza la realtà aumentata.

MusA-realtà-aumentataLa tecnologia va in soccorso alle disabilità. MusA (Museo Accessibile) è una nuova applicazione che aprirà i musei anche alle persone con disabilità visiva. L’App è stata realizzata dal Dipartimento di Informatica dell’Università Statale di Milano in collaborazione con l’Associazione Nazionale Subvedenti. Importante il sostegno di Fondazione Comunità di Milano.

MusA si integra con gli strumenti di accessibilità già presenti sugli smartphone. In questo modo permetterà a tutti di fruire dell’arte anche attraverso la realtà aumentata.
L’app, sviluppata per DescriVedendo, ha rappresentato un progetto inclusivo di accessibilità culturale. Lobiettivo primario era quello di ampliare la platea dei fruitori delle opere d’arte comprendendo le persone con disabilità visive.

Progetto MusA

app-MusA

Da sx: 1) l’app mostra il testo; 2) MusA mostra le parti dell’opera che vengono descritte; 3) Uso dei filtri

Il progetto, coordinato da Sergio Mascetti, docente di Informatica della Statale, è finanziato da Fondazione Comunità di Milano. L’applicazione sarà presentata in occasione della Settimana Internazionale dei diritti delle persone con Disabilità patrocinata dal Comune di Milano, che si concluderà a marzo 2021.
L’app per smartphone riconosce in modo automatico le opere d’arte. E’ sufficiente che le stesse vengano inquadrate. Immediatamente dopo viene mostrata una descrizione molto dettagliata e oggettiva realizzata con il metodo DescriVedendo ideato da ANS (Associazione Nazionale Subvedenti).

L’applicazione fornisce anche una lettura automatica della descrizione. Utilizzando la realtà aumentata si evidenziano le parti dell’opera che vengono descritte. MusA permette inoltre all’utente di interagire: toccando sullo smartphone una parte dell’opera, l’app ne restituirà una descrizione. Per le persone ipovedenti saranno anche disponibili apposite funzionalità. Tra questi vi sono i filtri, che permettono, ad esempio, di vedere l’opera a colori invertiti o con maggiore luminosità.

Info: www.descrivedendo.it

Leggi anche:

Wi-Fi a bordo degli aerei Vueling

Turismo enogastronomico: l’innovazione tecnologica arriva nelle cantine

Recupero dati da computer e dispositivi con EaseUS è più facile

© RIPRODUZIONE RISERVATA